Gio04172014

Aggiornamento10:25:05

Font Size

Screen

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel
Banner

Chi è online

 534 visitatori online

Luci a Siracusa. Weekend con Nicola Piovani e i giovani dell'INDA in scena con Pirandello

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Condividi

Siracusa, 13 marzo – Fine settimana all’insegna della cultura a Siracusa, protagonista il Tempio di Apollo. Due grandi eventi ospitati nel cartellone di “Luci a Siracusa” a firma dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico. Si inizia sabato, alle ore 19, con gli allievi dell’Accademia “Giusto Monaco” con lo spettacolo pirandelliano “Sei personaggi in cerca d’autore” per la regia di Monica Conti, assistente per anni di Massimo Castri. Conti ha al suo attivo una trentina di regie tra Italia e Francia, recentemente ha raccolto grande successo a Milano con “La Mite” di Dostoevskij.

Domenica, sempre alle 19 al Tempio di Apollo, il maestro Nicola Piovani descriverà con la sua musica lo straordinario viaggio di Ulisse accompagnato dal suo ensemble e dai piccoli cantori della Scuola dell’Inda che lo scorso anno salutarono i siracusani all’apertura degli spettacoli classici con il concerto di Bocelli.

L’appuntamento di sabato con Pirandello e l’Inda, in realtà, rievoca un incontro mancato. Pirandello più volte venne in visita a Siracusa, in una intervista fece bene intendere, era il 1932, che sperava di mostrare i suoi “Sei personaggi” (testo per eccellenza significativo del ‘900), ai siracusani al Teatro Greco.

Domenica alle 19 tocca al maestro Nicola Piovani, un inedito per i visitatori di Siracusa. Arriva un Premio Oscar, uno dei maggior musicisti che l’Italia oggi può vantare. Lo accompagnano i piccoli dell’Accademia dell’Inda che canteranno con lui e per lui la celebre colonna sonora de “La Vita è bella" di Roberto Benigni.

 

Fonte: Siracusanews


© Riproduzione Riservata (Condizioni) :: Notizie Ragusa e Siracusa, Il Quotidiano del Sudest (Val di Noto) - NoveTV
comments

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

Share/Save/Bookmark