fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Carmelo Riccotti La Rocca vince il “Premio  giornalistico internazionale Marco Luchetta” 2018.

Ragusa, 18 maggio 2018 – Con piacere e gioia condividiamo con voi questa bella notizia, nel decennale di Ondaiblea: il direttore di Ondaiblea, Carmelo Riccotti La Rocca, vince il prestigioso premio Luchetta.

Carmelo è anche direttore di NoveTV e collaboratore de La Sicilia e di alcuni organi di stampa e TV locali.

Ha vinto il premio con Martina Chessari (per La Sicilia) per un servizio su "I figli del Caporalato".

s. m.

 

Ecco l'articolo che gli dedica Il giornale di Scicli, citando il comunicato ufficiale:

Il giornalista sciclitano Carmelo Riccotti La Rocca vince il Premio Luchetta 2018 e siamo ben lieti di darne notizia. Di seguito il comunicato ufficiale.

“Le periferie italiane come trincee in cui bambini e ragazzi combattono ogni giorno la loro guerra per la sopravvivenza: il Premio Giornalistico internazionale Marco Luchetta taglia il traguardo della sua 15^ edizionee anche quest’anno si fa portavoce delle vicende più scottanti legate all’infanzia violata nel mondo, con sguardo attento ai contesti di marginalità del nostro Paese. Lo dimostrano i due reportage vincitori realizzati da Italia1 – “Le Iene” e dal quotidiano La Sicilia: il primo, firmato da Marco Fubini e Nadia Toffa, ha filmato e intervistato bambini e giovani disposti ogni giorno a prostituirsi per pochi soldi nella zona dello stadio di Bari; e l’altro, a cura di Carmelo Riccotti La Rocca e Martina Chessari, ha raccontato i “figli del caporalato“: centinaia di bambini invisibili ammassati nella fascia trasformata del ragusano. Insieme a loro Andrea Oskari Rossini vinceil Premio Luchetta TV News 2018: nel suo servizio per la rubrica della RAI TGR Est-Ovest ha raccontato gli “orfani” della pace arrivati in Italia da Sarajevo. Nel luglio 1992, 46 bambini bosniaci provenienti dall’orfanotrofio “Ljubica Ivezic” di Sarajevo raggiungevano Milano per essere temporaneamente accolti in Italia fino a quando non sarebbe finita la guerra. Oggi alcuni di loro sono ancora alla ricerca delle famiglie d’origine. Nella sezione stampa internazionale vince Stephanie Hegarty di Bbc World Service che insieme a Vladimir Hernandez ha documentato, attraverso una graphic novel digitale la storia di Falmata e di come sia sopravvissuta in Nigeria mentre sempre più donne del suo Paese decidevano di suicidarsi. Infine Mohammed Badra vince per lo scatto pubblicato da The Guardian nella sezione fotografia, dedicata a Miran Hrovatin. Ha documentato l’impotenza delle Nazioni Unite contro l’Inferno sulla terra siriano, mentre Mosca introduceva cinque ore quotidiane di “Cessate il fuoco” per consentire ai civili di scappare attraverso corridoi umanitari. Sul palco del Politeama Rossetti di Trieste anche Vittorio Zucconi, vincitore del Premio Testimoni della Storia 2018 promosso dal Premio Luchetta con Crèdit Agricole Friuladria.

Il Premio Luchetta, istituito dalla Fondazione Luchetta Ota D’Angelo Hrovatin e promosso in collaborazione con la Rai Radiotelevisione Italiana, festeggerà i suoi vincitori venerdì 25 maggio dalle 20.30 al Politeama Rossetti di Trieste in occasione della 15^ Serata I nostri Angeli, condotta dall’anchor tv Alessio Zucchini e come sempre ripresa da Rai1, che la trasmetterà integralmente venerdì 15 giugno per la regia di Andrea Apuzzo. I biglietti per assistere alla serata possono essere ritirati gratuitamente da martedì 22 maggio presso le biglietterie del Teatro Rossetti e del Ticket Point.

Anche quest’anno alla Giuria del Premio Luchetta sono pervenute centinaia di corrispondenze ricche di storie, immagini, sguardi. La serata “I nostri Angeli”, che si avvale anche del prezioso contributo di Unicef Italiaattraverso il suo portavoce Andrea Iacomini, accenderà i riflettori sulle realtà più drammatiche che coinvolgono i bambini, offrendo l’occasione di ripercorrere le corrispondenze premiate dai fronti caldi del mondo in un dialogo avvincente sull’attualità del nostro tempo. Sul palcoscenico de “I nostri Angeli” saliranno anche il presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti Carlo Verna e il presidente della Federazione Nazionale Stampa Italiana Giuseppe Giulietti, a dimostrazione dell’intreccio forte fra informazione e sensibilizzazione sul tema dell’infanzia: perché il racconto giornalistico  è strumento prezioso per illuminare i contesti meno visibili delle periferie del mondo, e il Premio Luchetta si propone di valorizzare le testimonianze che arrivano da ogni latitudine del pianeta. News e approfondimenti si intrecceranno alla musica: quella degli artisti di riferimento come Brunori Sas, non solo reduce dalla Targa Tenco 2017 per “La Verità” e dal disco d’oro per «A casa tutto bene», il suo ultimo album di inediti accolto con unanime plauso da pubblico e critica, ma anche vincitore del Premio AmnestyInternational Italia 2018 per “L’uomo nero”, la canzone giudicata come il migliore brano dell’anno sui diritti umani. Con lui si esibirà al Premio Luchetta 2018 Raphael Gualazzi, Disco d’Oro 2017, autore e interprete di riferimento per brani come “L’estate di John Wayne”, contenuto nell’album “Love life peace”, un successo bissato dalla successiva raccolta “La fine del mondo” (2017).

La XV edizione del Premio Giornalistico Internazionale Marco Luchetta è organizzata dalla Prandi Comunicazione & Marketing con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, con la coorganizzazione del Comune di Trieste e il contributo di Crédit Agricole FriulAdria e Fincantieri. Hanno collaborato inoltre la Federazione Nazionale Stampa Italiana e il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti. Info: www.premioluchetta.it


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry