fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 Ragusa, 21 luglio 2014  – Sono stati consegnati, nel pomeriggio di venerdì scorso,  gli attestati del corso in apicoltura realizzato dall’Azienda Sanitaria di Ragusa – Dipartimento di Veterinaria -  Neuropsichiatria Infantile, il Dipartimento Salute Mentale e la Cooperativa Terra iblea.

 

“Un progetto che ha voluto  valorizzare il rapporto uomo – animale, in un equilibrio che ha saputo dare fiducia ai pazienti del DSM che hanno vissuto un’esperienza di vera integrazione sociale e lavorativa” così il dott. Giuseppe Licitra, capo dipartimento Veterinario ha presentato la cerimonia della consegna degli attestati.

Un ringraziamento speciale è andato alla proprietaria del Fondo, prof. Bruno,  che ha messo a disposizione la tenuta, condividendo così,  la scelta della Cooperativa Terra Iblea, da tempo impegnata  insieme all’ ASP,   nella salute di utenti e familiari della salute mentale, nell’attuazione di percorsi di integrazione e riabilitazione a  favore di persone con disagio psichico. 

Il  progetto di apicoltura,  “un dolce lavoro”,  in cui sono stati, dal settembre 2013 al giugno 2014,  impegnati nelle varie attività apicole alcuni utenti  della salute mentale, ma anche corsisti che hanno voluto sperimentare questo nuovo modello di coltura. 

L’obiettivo del progetto è stato quello di offrire  a queste persone  un percorso che va dalla socializzazione alla fase formativa e alla realizzazione di una attività lavorativa autonoma. 

 

L’ASP non è alla prima esperienza  di   pet therapy, infatti,  nel 2005 fu  stata istituita l’U.O. di  Zooantropologia, una novità assoluta nel panorama siciliano. 

Un cammino partito  dal pubblico per  arrivare al privato ed integrandosi  in una sinergia che  ha dato la possibilità all’Azienda Sanitaria di dare risposte concrete a che vivi una condizione di fragilità. 

Questa progetto è un’idea scaturita da Angelo Aliquò, che ha fortemente creduto nella possibilità che si potesse realizzare. Aliquò,  intervenendo: “Gli  insetti vivono in società organizzate, suddivise in caste, nelle quali i singoli individui agiscono in funzione delle necessità collettive. Il comportamento sociale propriamente detto è tipico di quegli organismi che vivono in gruppi all’interno dei quali le relazioni tra i singoli individui sono caratterizzate da schemi ben precisi e talvolta di elevata complessità e organizzazione. Il gioco di squadra, il non lasciare soli ed indietro nessuno mi ha fatto riflettere da  qui l’idea di prendersi cura dei più deboli,  mettendo insieme diverse sinergie. Da qui è nato il progetto.”

 

Il coinvolgimento della NPI e del DSM ha concretizzato  questa sinergia, il dott. Pino Morando, ha sottolineato che: “Dal 2005 stiamo realizzando con i nostri piccoli pazienti progetti di pet therapy, pertanto l’invito a partecipare al corso di apicoltura per me è stato un invito a nozze.”

 

“Attualmente, grazie alla concessione da parte della proprietaria dell’uso di questa splendida  struttura e del lavoro di volontari per il ripristino della struttura stessa, stiamo 

realizzando un nuovo progetto per l'ospitalità   di un turismo rurale per attuare insieme percorsi didattici, escursioni e momenti di auto mutuo aiuto e di vita indipendente.” Il breve intervento del presiedente della cooperativa  “Terra Iblea” Salvo Borrelli.

 

Il direttore generale, dott. Maurizio Aricò, ha  sottolineato,  con   forza,  di apprezzare i risultati raggiunti: “Ho visto una  realtà che non conoscevo e che non avevo mai visto prima di oggi. Questa Azienda ha la responsabilità di darvi una mano di aiuto, perché avete imboccato una strada che va assolutamente condivisa. Andate avanti perché esperienze come queste meritano di essere sostenute.” 

Molto apprezzate le parole della senatrice  Venerina Padua presente alla manifestazione che ha messo a disposizione il suo ruolo per realizzare altre azioni a favore di queste realtà.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry