fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Esito favorevole delle cure intensive per pazienti con complicanze gravissime da influenza negli ospedali di ASP Ragusa

 

Ragusa, 12 marzo 2015 – «L’allarmismo sollevato, alcuni mesi fa,  da notizie di stampa su alcuni decessi in soggetti vaccinati per influenza –nota l’Azienda Sanitaria Provinciale– ha causato paure ingiustificate, che si sono tradotte in una notevole riduzione dell’adesione al programma di vaccinazione gratuita per l’influenza stagionale.

Come effetto sfavorevole, ma purtroppo prevedibile, sono aumentati i casi di complicanza grave da influenza. Tra questi, la insufficienza respiratoria da polmonite rappresenta la più frequente causa di mortalità.

Nell’Azienda di Ragusa sono stati diagnosticati e trattati quattro casi di polmonite da virus H1N1 complicata da Sindrome da Distress Respiratorio Acuto (ARDS). 

Il primo paziente, 57 anni, ricoverato il 20 gennaio in rianimazione, ha richiesto un trattamento estremo con procedura extracorporea (ECMO - Ossigenazione Extracorporea a Membrana) che è stato iniziato all’ospedale Civile di Ragusa e poi proseguito presso l’ISMETT di Palermo. Il paziente, è rientrato alla rianimazione del Civile il 6 marzo ed è oggi in fase di svezzamento dalla ventilazione meccanica.

Il secondo paziente,  74 anni, è stato ricoverato in Rianimazione il 4 febbraio. Il 12 febbraio ha potuto essere trasferito al reparto di Malattie Infettive in buone condizioni.

Il terzo paziente, 43 anni, è stato ricoverato il 3 febbraio  in Rianimazione e, finalmente,  il 7 marzo ritrasferito in Malattie Infettive, guarito dalla polmonite.

Il quarto paziente, 35 anni, è stato ricoverato a Modica, il  4 marzo; la notte si è aggravato e nelle prime ora del 5 marzo è stato trasferito in Rianimazione. Anche in questo caso, come nel primo, è stata utilizzata la procedura Ecmo in collaborazione con l’ISMETT. Il paziente sta meglio, l’insufficienza respiratoria è rientrata e si stanno già attuando tutte le azioni per lo  svezzamento.       

 

 In questi quattro  casi l’equipe medica e infermieristica della U.O. di Rianimazione dell’Ospedale Civile diretta dal Dr. Luigi Rabito e dell’U.O. di Rianimazione dell’ospedale Maggiore  sono  riuscite a  salvare i pazienti da una complicanza frequentemente fatale, purtroppo non prevenuta a causa della mancata vaccinazione.

 

La Direzione Aziendale si rallegra con i pazienti e i familiari e ringrazia il personale medico e infermieristico per la competenza e l’efficienza dimostrata.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry