fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 22 luglio 2014 – Ieri pomeriggio  il direttore generale dell’Azienda Sanitaria, dott. Maurizio Aricò,  con propria delibera ha nominato i due direttori amministrativo e sanitario.   

Si tratta di una riconferma degli uscenti, dott. Francesco Maniscalco, già direttore amministrativo,  nominato dal commissario straordinario, nel 2012 e del dott. Vito Amato, anche egli nominato direttore sanitario nel 2012.

 

Si completa così la direzione aziendale dell’Asp. La nomina dei due direttori permetterà, quindi, di intraprendere con “normalità, il percorso gestionale di un’Azienda che da circa due anni ha vissuto due periodi di commissariamento.

Il dott. Amato, direttore sanitario,  ha svolto la propria attività di dirigente medico dal 1978.  Vanta una lunga carriera che l’ha portato a ricoprire l'incarico di direttore dell’area  Dipartimentale  di Prevenzione  e, successivamente, alla nomina di direttore sanitario aziendale.

 “Nella scelta del  nuovo Direttore Sanitario per l’ASP  di Ragusa ho considerato particolarmente interessante il profilo di competenze ed esperienza maturate dal dott. Amato  in questo territorio. Il rapporto con lui è stato, immediatamente,  semplice ed efficace,  sono certo  che la sua ampia conoscenza  delle caratteristiche del ragusano sarà un valore aggiunto in questa direzione.”


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry