fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 11 maggio 2015 – Grande partecipazione al corso su “Appropriatezza prescrittiva e Note Aifa: farmaci per l’osteoporosi ed i farmaci antinfiammatori”, organizzato dall’Asp di Ragusa presso l’Ordine dei Medici,  sabato 9 maggio 2015. 

 

Sono intervenuti il direttore generale dell’ASP, Dr. Maurizio Aricò e il direttore sanitario aziendale dr. Giuseppe Drago, entrambi hanno posto l’accento sull’importanza che la prescrizione dei farmaci avvenga secondo criteri di appropriatezza affinché anche l’uso dei farmaci innovativi sia sostenibile in un momento di scarsità di risorse. 

«Noi dobbiamo fare anche educazione sanitaria – ha aggiunto Aricò -  quindi se prescriviamo un generico, l’utente deve fidarsi». 

Molti i Medici di famiglia presenti al corso articolato in due sessioni.

La prima dedicata ai farmaci per l’osteoporosi mentre la seconda dedicata ai farmaci antinfiammatori. 

Le sessioni sono state moderate dalla dr.ssa Angela Militello, direttore del distretto di Modica e dalla dr.ssa Paola Sgarlata, direttore dell’U.O.C. Medicina di Base. 

 

La dottoressa Ignazia Poidomani, direttore della U.O.C. Farmaceutica Territoriale ha presentato i dati di prescrizione dei farmaci per l’osteoporosi dell’Asp di Ragusa, confrontandoli con i dati regionali e con quelli nazionali, ha fatto notare che: «la scarsa aderenza alla terapia da parte dei pazienti vanifica gli effetti positivi della terapia che se non assunta con regolarità non abbassa il rischio di fratture osteoporotiche.»

 

Il dott. Saglimbene, medico specialista di ortopedia, ha spiegato quanto: « l’osteoporosi è una malattia estremamente diffusa, insidiosa e invalidante ma prevenibile se diagnosticata precocemente e curata in modo appropriato e quanto una vita sana sia fondamentale per la prevenzione della malattia.»

 

Il dr. Carmelo Elio Distefano della SIMG -Società Scientifica della Medicina Generale - ha illustrato la nota AIFA 79 che regola in modo chiaro quali siano i pazienti che devono essere trattati.

Nella seconda sessione la dr.ssa Daniela Provenzano – farmacista dirigente dell’Asp -  ha parlato dei dati di prescrizione dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) della loro appropriatezza, della sicurezza, della necessità che vengano usati per brevi periodi di tempo e della segnalazione di eventuali reazioni avverse. 

Infine il dott. Giovanni Digiacomo, presidente provinciale SIMG, ha ricordato come i medici sia specialisti che di medicina generale abbiano il dovere di seguire le note AIFA perché garanzia di appropriatezza e di medicina basata sulle evidenze scientifiche. 

Vivace il dibattito, con interventi e domande dall’aula e un alto livello di interazione tra i medici partecipanti al corso e i docenti.

 

 La giornata ha visto anche la partecipazione e gli interventi della dr.ssa Rosa Giaquinta, vicepresidente dell’Ordine dei Medici, del dr. Roberto Licitra, segretario provinciale FIMMG e del Dr. Sandro Tumino, presidente provinciale SMI.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry