Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Share/Save/Bookmark

Ragusa, 3 giugno 2015 – Il 4 giugno alle ore 17,30 presso il reparto di Cardiologia dell’ospedale “Maria Paternò Arezzo”, verrà inaugurata la rassegna delle opere pittoriche e fotografiche che fa parte del progetto della campagna promozionale “Se ami il cuore, non perdere tempo”.  

La mostra, intitolata “Arte in corsia”, porta avanti un messaggio originale negli spazi dell’U.O.C. di Cardiologia, posta e al primo piano del P.O., che ospita, nei propri spazi e tratta, annualmente, pazienti che afferiscono con ischemia miocardica nelle sue varie forme: angina pectoris, infarto miocardico.

Alle 18,30, nella sala Avis di Ragusa – il dr. Antonino Nicosia, direttore f.f. dell’Unità Operativa, illustrerà il significato della campagna educazionale Rete dell’infarto a Ragusa “Se ami il cuore, non perdere tempo”. Subito dopo il dr. Vincenzo Trapani, direttore della U.O. di Educazione alla Salute, presenterà il Progetto.

Saranno premiati gli elaborati che gli studenti del liceo artistico “Galileo Ferraris” di Ragusa hanno realizzato nell’ambito del programma, frutto di un’attività formativa integrata.  

 

«Pazienti e loro congiunti – ha spiegato il direttore generale, dr. Maurizio Aricò - carichi di preoccupazioni e spesso di forte sofferenza, vivono in prima persona una condizione di fragilità che si sperimenta in spazi spesso racchiusi da pareti bianche. Ci vogliono ambienti che diano serenità agli ammalati ed ai loro familiari. Piccoli accorgimenti che umanizzano l’ospedale, che aiutano a migliorare la qualità della vita in una condizione di sofferenza».

 

Trasformare l’immagine di un ospedale, visto solamente come luogo di cura e di affrettato passaggio per ricevere cure o sottoporsi ad accertamenti sanitari, in uno spazio pubblico che comunica con la comunità attraverso l’arte e le opere degli artisti. Questo, dunque, l’obiettivo dell’iniziativa. Un ringraziamento per la sensibilità e la disponibilità dimostrate è rivolto a tutti coloro che si sono adoperati per la realizzazione dell’iniziativa.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry