fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 26 giugno 2015 – Questa mattina alle ore 12.00,   presso la sala conferenza del Dipartimento di Prevenzione, Servizio Epidemiologia  – via Aldo Licitra, il direttore generale dell’Asp, dr. Maurizio Aricò,  ha salutato gli studenti che hanno partecipato al progetto “Alternanza Scuola-Lavoro”, relativo all’anno scolastico 2014/2015.

Grazie al  protocollo di intesa  tra l’Azienda Sanitaria  e l’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “ Umberto I” di Ragusa,   20 studenti delle quarte classi, che hanno manifestato l’interesse al progetto, hanno realizzato un’ esperienza sul campo all’interno di due realtà dell’Asp: il Dipartimento di Prevenzione e l’Ufficio Relazioni Pubbliche – Urp. 

Lo svolgimento del tirocinio e l’attività di formazione ed orientamento è stata seguita e verificata dal tutor designato dall’Istituto – soggetto promotore in veste di responsabile didattico-organizzativo, prof. Giovanna Gurrieri e dai responsabili aziendali delle aree  interessate: per l’Urp, il dott. Giuseppe Savà e per il Dipartimento Prevenzione i dottori: Giuseppe Ferrera e Vito Perremuto.

Il percorso è iniziato il 15 giugno c.a. per un totale di 60 ore formative.

 

L’Alternanza Scuola-Lavoro è una delle esperienze più significative che gli alunni possano sperimentare per la loro formazione.

Tale progetto risponde all’esigenza di porsi in linea con le direttive suggerite dall’Unione Europea ai paesi membri e definite in un importante documento: esse sono l’espressione del riconoscimento della persona umana come membro attivo in una società in continua evoluzione e dell’esigenza che tale persona sia portatrice di competenze, acquisibili a partire dall’esperienza scolastica e da spendere in tutto l’arco della vita.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry