fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Ragusa, 26 luglio 2015 – Nuovo direttivo e nuovo presidente per ARI Ragusa, l’associazione dei radioamatori.

Si è tenuto oggi il referendum per il rinnovo degli organi direttivi (Comitato Direttivo e Collegio dei Sindaci).

Il nuovo presidente, dr. Salvo Micciché IT9CLU, ha voluto ringraziare il past president Ing. Salvatore Branca IT9IPG (ora vice presidente) per l’impegno profuso per due mandati e per l’entusiasmo con cui ha guidato l’associazione in tanti anni. Vecchio e nuovo presidente hanno rivolto elogi anche all’ex segretario Maurizio Pisana e ai consiglieri non rieletti.

Dopo le operazioni di voto (avvenute in parte nei giorni precedenti con l’invio per posta di schede votate e in parte questa mattina sino a mezzogiorno) sono risultati eletti, per il Comitato Direttivo Enzo Licitra IT9DQC (Segretario, Acate), Salvo Micciché IT9CLU (Presidente, Ragusa - Scicli), Salvatore Branca IT9IPG (vice presidente, Pozzallo), Massimiliano Leggio IT9AJI (Ragusa), Giuseppe Fede IT9KFA (Vittoria), Carlo Di Raimondo IT9GUF (Modica) e Gianfranco Salice IT9OUY (Ragusa).

Il Collegio dei Sindaci è formato da Corrado Terranova IT9ZEO (Modica), Carmelo Ortisi IT9BEC (Modica) e Salvatore Giummarra IT9XGU (Chiaramonte Gulfi - Ragusa).

A  breve avverrà il passaggio delle consegne.

«Un’elezione nel segno della continuità e dell’innovazione –ha detto Salvo Micciché–. Il presidente Branca ha guidato ARI in anni difficili, con l’intermezzo di un commissariamento che ha danneggiato la sezione e che ora, per fortuna, è stato superato: si va avanti su ciò che si è costruito e su nuove basi, con nuove leve, nuovi soci, nuovi obiettivi. La radio è ancora, non ostante l’era dei cellulari e di Internet, il mezzo di comunicazione principe nelle emergenze, e per fini istituzionali e sociali: il primo “wireless” della storia, grazie a Guglielmo Marconi. A noi il compito di farle onore, a Ragusa, come in Italia e nel Mondo. Ringrazio tutti i soci che hanno avuto fiducia in noi, e in particolare in me; spero di essere all'altezza del compito».

ARI fa parte dell’associazione nazionale con sede a Milano, che già fu “Associazione radiotecnica italiana”, ente morale che si rifarà a Guglielmo Marconi e che si occupa di associare gli amatori della radio (sia “OM” cui sono affidate bande di frequenze su cui trasmettere -pervio esame, concessione di una patente di radiooperatore e un nominativo ministeriale, con varie tecniche: fonia, telegrafia, digitale…, sia “SWL”, radioascoltatori, “BCL”, broadcast listeners, scienziati e sperimentatori vari, autocostruttori) e di fornire assistenza nelle emergenze, collaborando con le Prefetture e gli enti governativi.

 

ARI Ragusa ha sede nella S.P. 25, altezza Contrada Renna, dopo Poggio del Sole, e fa parte del Comitato regionale ARI Sicilia.

Info: http://www.ariragusa.it

 

 

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry