fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 21 settembre 2015 – Ritorna la giornata dedicata alla speleologia, organizzata dall’Associazione Esplorambiente, giunta quest’anno alla nona edizione dove, per la prima volta, quest’anno ne prevede due di giornate. 

Nella prima si svolgeranno prove di progressione in verticale all’aperto, nella seconda, prove di progressione in orizzontale in grotta.

Domenica 27 settembre, con raduno alle ore 8:30 in Piazza Italia, di fronte alla Chiesa Madre, a Scicli, la prima giornata è dedicata ad una serie di esercitazioni speleo in parete mediante l’ausilio di corde e imbraghi, lungo la forra del Fiume Irminio, in località Castelluccio. Possibilità di visitare degli aggrottati artificiali e le miniere all’aperto di pietra pece. Pranzo a sacco.

Domenica 4 ottobre, con raduno uguale alla prima giornata, sarà la volta di approcciarsi un po’ di più alla speleologia, svolgendo progressioni in orizzontale in grotta con l’utilizzo d’illuminazione. Saranno visitate tre miniere di calcare bituminoso, meno note rispetto a quella principale, presenti sempre lungo il fianco sinistro del Fiume Irminio, in Contrada Steppenosa. 

Anche una grotta d’interesse archeologico, in parte naturale, sarà oggetto dell’escursione. 

Previsto sempre pranzo a sacco.

 

Per info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - +39.338.3610389

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry