fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

#Ragusa, 12 gennaio 2016 – L’Azienda Sanitaria Provinciale, grazie alla tempestività nella presentazione della necessaria documentazione tecnica, ha ottenuto l’assegnazione di finanziamenti consistenti per interventi di miglioramento anti-sismico dei suoi ospedali.

Le assegnazioni sono state disposte con Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri – n. 4007/2012 e con Ordinanza Commissario Dipartimento Protezione civile n. 52/2013.

Gli importi sono complessivamente così quantificati:

€ 7.501.068, destinati al presidio ospedaliero “Maria Paternò Arezzo” di Ragusa; 

€ 8.348.090, destinati al presidio ospedaliero  “Regina Margherita” di Comiso;

€ 3.421.080, destinati alla Residenza Sanitaria Assistenziale di Ragusa.

 

Con delibera n. 2779 del 29/12/2015 l’Azienda ha dato avvio alle procedure che porteranno alla effettuazione dei lavori.

Responsabili Unici dei Procedimenti sono l’architetto Maddalena Di Martino per il presidio ospedaliero “Maria Paternò Arezzo” e la RSA di Ragusa e l’ingegnere Gaetano Cilia per gli interventi relativi al presidio ospedaliero “Regina Margherita” di Comiso.

 

L’investimento fatto dallo Stato per mettere in sicurezza antisismica gli edifici a valenza strategica, come certamente è un ospedale, offre una grande opportunità per migliorare la qualità delle strutture ospedaliere dell’ASP.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry