fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

#Ragusa, 4 aprile 2016 – Partendo dall’evidenza che nelle strade ragusane il numero degli utenti deboli (pedoni, ciclisti, motociclisti), vittime di incidenti stradali, continua ad essere alto, la Polizia Stradale di Ragusa, ha avviato, sin dall’inizio dell’anno, una intensa campagna di prevenzione, con due progetti, rivolti a tutte le fasce di età di studenti, da quelli più piccoli, delle scuole elementari,  a quelli più grandi, delle scuole superiori. 

Nel corso dell’anno 2014, delle 20 vittime totali, 11 erano utenti deboli della strada (9 motociclisti, 1 pedone, 1 ciclista); nel corso del 2015, delle 21 vittime, 8 erano utenti deboli (5 motociclisti, 2 pedoni, 1 ciclista).

Nei primi 3 mesi di quest’anno, delle 4 vittime per incidenti stradali, 3 appartengono agli utenti deboli (2 motociclisti ed 1 pedone).

Allo scopo di sensibilizzare ad una maggiore cultura della sicurezza stradale, il progetto “ICARO 2016”, giunto alla XVI Edizione, quest’anno si rivolge agli alunni delle scuole primarie e secondarie, individuate dall’Ufficio Scolastico Provinciale di Ragusa, per un uso della bici in sicurezza. 

Agenti della Polizia Stradale di Ragusa, appositamente formati presso il Centro di Addestramento della Polizia di Stato di Spoleto, hanno avviato, sin dal mese di gennaio, presso gli istituti scolastici I.C.“F. Crispi”, di Ragusa, “R. Poidomani” di Modica, “Capuana” di Giarratana e Monterosso, “F. Traina” “di Vittoria, un programma di formazione che vede coinvolti i bambini ed i genitori, prevedendo la compilazione di test per la valutazione pre-post intervento. Il Corso è incentrato sulla visione di video tutorial che illustrano comportamenti corretti e scorretti e su interviste a personaggi significativi ed al loro rapporto con la bicicletta. La visione di filmati e cartoni animati evidenzia come sia più sicuro viaggiare sulle strade, utilizzando il casco, le luci anteriori e posteriori sulle bici, così come i campanelli, che si rivelano molto utili per segnalare la presenza. Gli agenti, inoltre, insegnano ai bambini come indossare correttamente il caschetto, in quanto, un uso non corretto compromette la loro sicurezza e suggeriscono loro di indossare delle pettorine fosforescenti per essere più visibili. La presenza dei citati dispositivi infatti, alcuni previsti espressamente dal Codice della Strada (segnatamente il campanello, le luci anteriori e posteriori, i catarifrangenti), si rivelano di fondamentale importanza per l’incolumità del ciclista. Alla fine dei corsi è prevista una manifestazione finale a Ragusa, il prossimo 21 maggio, in collaborazione con la Federazione Ciclistica Italiana e con gli organizzatori della “Marathon Parco degli Iblei”.

Il progetto “Faranno strada… di sicuro - Giovani artisti per la sicurezza stradale”, giunto alla III edizione, si rivolge invece agli studenti delle scuole superiori della provincia iblea.

L’iniziativa, ideata dalla Polizia Stradale di Ragusa, con la collaborazione del Provveditorato agli Studi, della Consulta Provinciale Studentesca di Ragusa e del maestro Peppe Arezzo, punta a sensibilizzare i ragazzi sul tema della sicurezza stradale, ricordando che sulla strada vi sono tante insidie e che, ancora oggi, la principale causa di morte per i giovani, di età compresa tra i 15 ed i 30 anni, è l’incidente stradale.

Il progetto, in particolare, si propone di selezionare dei giovani che si distinguono, nel campo artistico (danza, musica, teatro, fumettistica), per contribuire a lanciare un “forte” e  diretto messaggio sul tema della sicurezza stradale ai propri coetanei, nel modo più sentito dagli stessi, ovvero attraverso esibizioni artistiche. Le scuole interessate dal progetto sono IPSSAR “GRIMALDI” di Modica, I.I.S.S.“Q. CATAUDELLA” di Scicli, I. S. d’arte “S.FIUME” di Comiso, gli istituti I.I.S.S “UMBERTO I”, I.I.S.S “G. FERRARIS”, IST. MAG. “G.B. VICO”, LICEO SC. “E. FERMI”, I.T.C.A. “F. BESTA”, di Ragusa.

Il progetto, avviato con il patrocinio del Comune di Ragusa, d’intesa con l’Ufficio Scolastico provinciale, prevede l’evento finale il prossimo 14 aprile, alle ore 09,30 al Palatenda di Ragusa, nel corso del quale gli studenti selezionati, insieme ad altri artisti già affermati (Peppe Arezzo e la sua Orchestra; il gruppo rapper “Onorata Società”; “Compagnia di ballo del MASD”, il Direttore artistico del Teatro comunale di Vittoria Massimo Leggio; il suonatore di Hang Marco Selvaggio) si esibiranno per contribuire a diffondere messaggi sulla sicurezza stradale, ed in particolare che l’uso corretto del casco e delle cinture di sicurezza, salva la vita. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry