fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 20 maggio 2016 – Il progetto ICARO 2016, giunto alla XVi Edizione, anche quest’anno diretto all’uso della bici in sicurezza, dopo aver completato il suo iter formativo nelle scuole della provincia, giunge al momento conclusivo nella manifestazione che si terrà a Ragusa, in Piazza Libertà, sabato 21 maggio, dalle ore 9.00  alle 13.00, in collaborazione con la “Marathon Parco degli Iblei.

La manifestazione, aperta a tutti, vedrà la partecipazione di una rappresentanza degli alunni delle scuole primarie e secondarie, individuate dall’Ufficio Scolastico Provinciale di, l’I.C. “F. Crispi”,  di Ragusa, “R. Poidomani” di Modica, “F.Traina” “di Vittoria. di Scicli, I.C. “Capuana” di Giarratana, I.C. “Capuana” di Monterosso Almo.

La campagna, nata dalla triste evidenza di un elevato numero di ciclisti vittime di incidenti stradali in ambito nazionale e portata avanti dalla Polizia di Stato, d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, il Dipartimento di Psicologia, l’Università “Sapienza” di Roma, la Fondazione ANIA, il MOIGE (Movimento Italiano Genitori) e la Federazione Ciclistica Italiana, si è rivolta agli studenti delle scuole primarie e secondarie ed è stata finalizzata alla promozione e sensibilizzazione della cultura della sicurezza stradale.

In particolare, nel corso dell’anno 2014, delle 20 vittime totali, 11 erano utenti deboli della strada (9 motociclisti, 1 pedone, 1 ciclista); nel corso del 2015, delle 21 vittime, 8 erano utenti deboli (5 motociclisti, 2 pedoni, 1 ciclista).

Nei primi 5 mesi di quest’anno, sono 3 le vittime stradali appartenenti agli utenti deboli (2 motociclisti ed 1 pedone).

Agenti della Polizia Stradale di Ragusa, appositamente formati presso il Centro di Addestramento della Polizia di Stato di Spoleto, hanno avviato presso gli istituti scolastici sopra indicati, nei mesi scorsi, un programma di formazione che ha coinvolto i bambini, i genitori ed i nonni prevedendo la compilazione di materiali per la valutazione pre-post intervento. Il Corso è stato incentrato sulla visione di video tutorial che illustrano comportamenti corretti e scorretti e su interviste a personaggi significativi ed al loro rapporto con la bicicletta. 

La visione di filmati e cartoni animati ha evidenziato come sia più sicuro viaggiare sulle strade utilizzando il casco, le luci anteriori e posteriori sulle bici, così come i campanelli, che si rivelano molto utili per segnalare la presenza. Gli agenti, inoltre, hanno insegnato ai bambini come indossare correttamente il caschetto, in quanto, un uso non corretto compromette la loro sicurezza ed hanno suggerito loro di indossare delle pettorine fosforescenti per essere più visibili. 

La presenza dei citati dispositivi infatti, alcuni previsti espressamente dal Codice della Strada (segnatamente il campanello, le luci anteriori e posteriori, i catarifrangenti), si rivelano di fondamentale importanza per l’incolumità del ciclista. 

Sabato, pertanto, il Progetto Icaro 2016, in collaborazione con gli organizzatori della “Marathon Parco degli Iblei, nella splendida cornice di Piazza Libertà a Ragusa, chiusa al traffico per tutta la mattinata, vedrà la partecipazione dei bambini delle scuole della provincia ragusana e dei genitori per dare, tutti insieme, un forte segnale sull’uso della bici in sicurezza. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry