Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

“Gite scolastiche in Sicurezza” – rinnovata la collaborazione tra Polizia Stradale e  Ufficio Scolastico Provinciale di Siracusa. Il 9 marzo 2017 nella Sala Convegni del Museo Paolo Orsi di Siracusa si è tenuto un seminario formativo riguardante la sicurezza stradale in occasione dei viaggi di istruzione e delle visite guidate

 

Siracusa, 10 marzo 2017 – Il 9 marzo 2017 presso la sala convegni del Museo Archeologico “Paolo Orsi” di Siracusa alla presenza della d.ssa Maria Musumeci, Dirigente del Museo Archeologico Regionale “Paolo Orsi” di Siracusa, della d.ssa Corradina Liotta, Funzionario vicario dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Siracusa,  si è tenuto un convegno sul tema della sicurezza stradale nell’ambito dei viaggi di istruzione e delle visite guidate. 

Il predetto seminario si inserisce nell’ambito delle attività e delle iniziative compiute dalla Polizia Stradale di Siracusa per prevenire incidenti stradali soprattutto quelli che coinvolgono autobus da gran turismo in occasione di viaggi di istruzione e visite guidate organizzati prevalentemente dagli Istituti scolastici.

Ad inizio dei lavori, la d.ssa Musumeci, che ha autorizzato l’uso  dei locali del Museo,  ha rivolto un saluto ai partecipanti ed ha posto l’accento sulla importanza della finalità dell’iniziativa, rivolta alle Istituzioni scolastiche di Siracusa per una puntuale e completa informazione sulle tematiche legate alle gite scolastiche ed alla sicurezza dei trasporti e strettamente connesse con la fruizione del nostro patrimonio culturale.

Successivamente è intervenuta la d.ssa Corradina Liotta, che ha sottolineato la rilevanza  del Protocollo operativo siglato tra l’Ufficio Scolastico Provinciale e  la Polizia Stradale di Siracusa, nel quale è stata confermata la  stretta relazione d’intenti e di cooperazione tra l’Istituzione da lei rappresentata e la Polizia di Stato, riguardo alla tematica in argomento.

L’incontro formativo è stato curato e svolto dal Dirigente la Sezione Polizia Stradale di Siracusa, dr. Antonio Capodicasa e da personale del predetto Ufficio ed era rivolto ai Dirigenti Scolastici, ai Direttori dei Servizi Generali e Amministrativi ed ai Referenti dei viaggi di istruzione delle Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado della Provincia di Siracusa. 

In tal modo, come già detto,  si è rinnovata la collaborazione, già in atto da diversi anni tra il Ministero dell’Istruzione e la Polizia di Stato, riguardo alla prevenzione ed alla sicurezza in occasione dello svolgimento dei viaggi di istruzione. La conferenza, denominata “Gite scolastiche in sicurezza” affrontava un tema particolarmente importante, quello della salvaguardia della incolumità degli studenti, che partecipano alle gite scolastiche organizzate dagli Istituti di appartenenza.

Durante l’incontro è stato ricordato innanzitutto che i gravi incidenti, che si sono verificati nel recente passato, la giovane età dei trasportati e la tendenza a concentrare le gite in specifici periodi dell’anno, sono elementi, che fanno emergere l’importanza di porre l’attenzione alla sicurezza dei viaggi di istruzione.

Nel corso del convegno è stato anche ribadito che l’intervento della Polizia Stradale costituisce un servizio, che il Ministero dell’Interno  mette a disposizione delle Scuole.  In questo modo, gli istituti scolastici possono segnalare alla Polizia Stradale i loro viaggi o programmare controlli lungo l’itinerario e possono richiedere, prima della partenza, l’intervento della Sezione Polstrada di Siracusa per un controllo del mezzo di trasporto e per la verifica dell’idoneità del veicolo e del conducente. 

La Polstrada di Siracusa ha anche diramato utili e importanti informazioni alle istituzioni scolastiche per l’organizzazione in sicurezza delle gite, con indicazioni basilari sulla scelta e la regolarità delle imprese di trasporto, sull’idoneità del conducente e sulle condizioni generali dei veicoli, al fine di garantire un sereno svolgimento dei viaggi. 

Al riguardo la Polstrada ha elaborato un vademecum, per viaggiare in sicurezza,  nel quale sono stati evidenziati  gli aspetti da non trascurare, quando viene organizzato un viaggio di istruzione, che prevede l’uso di un mezzo di trasporto a noleggio con conducente. 

Questo Vademecum è stato distribuito ai partecipanti al convegno, allo scopo di far loro conoscere gli aspetti da tenere presente riguardo alle condizioni psicofisiche degli autisti e riguardo alla idoneità dei veicoli.

Nel dettaglio, in questo vademecum è stato raccomandato che gli accompagnatori, prima di iniziare un viaggio o durante lo stesso, nel caso in cui la condotta dell’autista o l’idoneità del veicolo non dovessero rispondere ai requisiti fissati nel vademecum, dovranno richiedere la collaborazione e l’intervento della Polizia Stradale competente. Dovranno prestare attenzione al fatto che il conducente  di un autobus deve essere in possesso della patente di guida di categoria D e della Carta di qualificazione del Conducente, deve stare attento alla velocità tenuta, non deve assumere bevande alcoliche, né fare uso di apparecchi cellulari e deve rispettare i tempi di guida e di riposo sia giornalieri che settimanali. 

Per quanto attiene alla scelta dell’impresa di trasporto, i Responsabili scolastici che organizzano il viaggio devono prestare attenzione che la Ditta a cui si rivolgono sia  in possesso dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività di noleggio autobus con conducente, sia in regola con la normativa sulla sicurezza sul lavoro,  deve avere l’autorizzazione   all’esercizio della professione e deve essere iscritta al Registro Elettronico Nazionale, inoltre deve avvalersi di conducenti in possesso dei prescritti titoli abilitativi e di mezzi idonei. 

Per quanto  riguarda le condizioni del veicolo, questo deve essere sottoposto a revisione annuale e l’autista, prima di iniziare il viaggio deve fare attenzione alle sue caratteristiche costruttive, cioè all’usura degli pneumatici, all’efficienza dei dispositivi visivi, di illuminazione e dei retrovisori, se è dotato  di cinture di sicurezza, di estintori e di copertura assicurativa.

Nel corso della mattinata sono stati presentati i risultati dei controlli dello scorso anno ed è stato evidenziato che la ripresa di tali  controlli nell’anno in corso ha già dato i primi risultati. Al riguardo il Dirigente della Polstrada di Siracusa  ha osservato che i numeri registrati lo scorso anno inducono a continuare nella direzione intrapresa, proseguendo con i controlli sui mezzi, che portano i ragazzi in gita ed attivando un’azione positiva di sicurezza per gli studenti, facendo loro  comprendere l’importanza di questo tema e continuando anche con l’educazione stradale, ad esempio attraverso il progetto “Icaro”, che ogni anno viene realizzato in collaborazione sempre con l’Ufficio  Scolastico Provinciale di Siracusa. 

Il dr. Capodicasa ha inoltre ricordato che l’iniziativa denominata “Gite scolastiche in sicurezza”,  assieme alle altre che ogni anno vengono svolte, ha dato ottimi frutti in termini di prevenzione e  di sicurezza stradale;  i risultati del 2016 sono soddisfacenti e su quella base bisogna continuare, affinché  queste campagne abbiano un forte effetto deterrente su chi non vuole rispettare le regole.  Ed ha concluso precisando che, poiché questo è il periodo in cui le scuole iniziano le gite, sembrava  il momento giusto per far arrivare agli istituti un messaggio e delle indicazioni importanti sul tema in argomento e  con l’occasione di   questa conferenza ricordare a tutti, famiglie, studenti, direttori scolastici e docenti che il Ministero dell’Interno e tutta la comunità educante tengono all’incolumità dei ragazzi, i quali devono avere la possibilità di vivere questi importanti momenti di formazione e di crescita, grazie ai quali poter diventare degli adulti consapevoli e responsabili delle loro azioni e dei loro comportamenti.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry