Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Convegno al Centro Studi Feliciano Rossitto

Ragusa, 10 – 11 - 12 maggio 2018

 

«Il dottor Marx è […] è giovanissimo (avrà al massimo ventiquattr’anni),

ma darà il colpo di grazia alla religione e alla politica medievali.

Egli unisce alla più profonda serietà filosofica l’arguzia più tagliente.

Immagina Rousseau, Voltaire, Holbach, Lessing, Heine e Hegel

Uniti in una sola persona (e dico uniti, non messi insieme alla rinfusa),

e avrai Karl Marx.» 

(Moses Hess a Berthold Auerbach, Colonia, 2 settembre 1841) 

 

Una ‘tre giorni’ che si preannuncia ricca di spunti e di riflessioni, ma soprattutto di interventi programmati utili a fornire una dimensione storico-politica e filosofica più approfondita sulla figura del filosofo ed economista tedesco Karl Marx (1818-1883) a duecento anni dalla nascita. Ciò è quanto si prefigge il Centro studi “Feliciano Rossitto” che ha promosso ed organizzato un convegno di studi che si articolerà in tre giornate, da giovedì 10 a sabato 12 maggio, presso l’auditorium di via Ettore Maiorana impegnando su più fronti non pochi relatori.

L’apertura dei lavori prevede le relazioni introduttive di Giorgio Chessari (presidente del Centro Rossitto), Margherita Bassini (responsabile del Comitato scientifico Fondazione Luigi Longo, Alessandria), Salvatore Nicosia (presidente dell’Istituto Gramsci Siciliano, Palermo) e Sebastiano Tusa (assessore regionale ai Beni culturali). Tra i numerosi relatori, Peppe Scifo (segretario della CGIL-Camera del lavoro Territoriale di Ragusa), Rocco Agnone (già Provveditore agli studi di Ragusa); Giuseppe Barone (Università di Catania); Guglielmo Epifani (deputato); Achille Occhetto (politico e scrittore); Aldo Tortorella (direttore di Critica marxista).

«Karl Marx – spiega Giorgio Chessari – è oggi l’autore maggiormente citato al mondo. Questo dato di fatto esprime indubbiamente un interesse per il pensiero e l’opera dell’autore de “Il Capitale”. Nella ricorrenza del bicentenario della sua nascita ci è parso opportuno promuovere un convegno di studi per tentare di fare un bilancio storico critico della sua opera e di porre in luce le ragioni che ne fanno un autore di notevole importanza per la comprensione del mondo contemporaneo».

Cosa si propone il convegno? «Le tre giornate in cui si articolerà il convegno si propongono un intento di carattere scientifico, di ricerca, di studio e garantisce ovviamente ai partecipanti la piena libertà di esprimere il proprio pensiero».

Qual è l’attualità di Marx? «L’attualità di Marx è testimoniata anche dall’interesse filologico e scientifico con cui si guarda alla sua opera. Pertanto, il convegno dedicherà ampio spazio ad una ricognizione sullo stato di avanzamento del progetto di pubblicazione delle opere complete di Marx ed Engels». 

Giuseppe Nativo 

 

***

Apertura dei lavori

Giovedì 10 maggio 2018

Ore 9.30 – 13.00

Relazioni introduttive di

Giorgio Chessari (Presidente del Centro Studi “F. Rossitto”)

Margherita Bassini (Resp. del Comitato Scientifico Fondazione Luigi Longo, Alessandria)

Salvatore Nicosia (Presidente dell’Istituto Gramsci Siciliano, Palermo)

Sebastiano Tusa (Assessore Regionale ai Beni Culturali)

 

Seguiranno gli interventi programmati anche nelle ore pomeridiane

 

Relazioni sono previste nel corso della giornata di venerdì 11 maggio

Per sabato 12 maggio sono previsti ulteriori sei interventi con chiusura del convegno alle ore 13,00

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry