fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il 9 marzo un evento culturale nell'Aula Consiliare 

 

Ragusa, 1 marzo 2019 – Storia, memoria e percorsi esistenziali femminili al centro di "Donne di/per Ragusa": l'evento culturale è  promosso, a ridosso della Giornata Internazionale della Donna, dal Comune di Ragusa e dall'Associazione Youpolis Sicilia,  sabato 9 marzo, alle ore 18  presso,  l'Aula Consiliare. 

Nel solco tracciato dalle orme di tre delle numerose donne protagoniste della storia iblea, si vogliono approfondire ed analizzare criticamente  le loro biografie. Tre alti esempi di solidarietà, creatività e coraggio femminili - cruciali per la storia della Città - sintetizzati nel vissuto di Maria Paternò Arezzo, Mariannina Coffa e Maria Occhipinti. Partire dagli esempi del passato servirà a far riflettere sul dato attuale, interrogandoci sulla moderna "questione femminile" e sul valore che oggigiorno si da al corpo e al pensiero della Donna. 

L'incontro si aprirà con i saluti ai partecipanti  di Giovanna Licitra, Vice Sindaco di Ragusa e di Francesco Scollo, Presidente Youpolis Sicilia.

In programma interventi di  Stefano Vaccaro che dialogherà con il Prof. Gaetano G. Cosentini, storico e saggista, che parlerà di "Maria Paternò Arezzo, grande benefattrice di Ragusa. Poi sarà la volta la Prof.ssa Maria Lucia Riccioli, docente e scrittrice, sul tema "Il volo della Capinera. Mariannina Coffa tra Noto e Ragusa" e infine la Prof.ssa Margherita Bonomo, docente presso l'Università di Catania, con una tesi su "Sacrificio, sfida e resistenza - L'esempio di Maria Occhipinti".


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry