fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Sabato 12 luglio 2014 ore 19 Museo Civico Tempo Canicattini Bagni

 

Canicattini Bagni, 8 luglio 2014 – Una mostra che scava nella storia, negli usi e nei costumi della gente iblea, ad iniziare da quel vincolo, il matrimonio, sul quale si è costruito e si continua a costruire il nucleo familiare, con tutte le trasformazioni sociali e culturali che sono maturate nel tempo.

Del matrimonio nelle terre iblee, con le sue rigide tappe, canuscenza, o ‘ntrizzo [fare conoscenza, come “intrecciare”, ndr], sino allo scambio degli “ori”, si è parlato negli studi e nelle ricerche di autorevoli antropologi, in particolare ne ha parlato nei suoi scritti Antonino Uccello. 

La mostra che Sabato 12 luglio alle ore 19:00 si inaugura al Museo Civico TEMPO di via XX Settembre 132 a Canicattini Bagni, metterà in vetrina, sino a tutto settembre, uno spaccato di questo “passaggio”, quello relativo a “L’oru ra zita”, come si diceva sino a qualche decennio addietro, che poi era riferito ai preziosi in regalo o che avrebbero indossato entrambi gli sposi.

Si, perché “zita senza oru è iurnu senza allustro” [sposa senza oro è come giorno senza luce, “lustro”, ndr], ci racconta la tradizione.

 

Nelle sale del Museo del Tessuto, dell’Emigrazione e della Medicina Popolare, si potranno così ammirare i più bei pezzi di oreficeria, da uomo e da donna, che gli sposi indossavano il giorno delle nozze, insieme ad alcuni abiti da sposa del ‘900 e le foto d’epoca che mostrano l’evoluzione dei matrimoni e delle loro forme attraverso gli anni.

Ci aiuterà a capire meglio questo spaccato di storia e di tradizione iblea, inoltre, la Conferenza che seguirà subito dopo l’inaugurazione della mostra ed i saluti del sindaco Paolo Amenta. 

Paolino Uccello, presidente dell’Associazione museale canicattinese, modererà gli interventi della professoressa Cristina Longo, docente di Economia e Gestione delle Imprese presso l’Università degli Studi di Catania, che parlerà sul “Museo come impresa culturale”; e dell’antropologo Luigi Lombardo, autore di numerosi volumi sulla storia e le tradizioni iblee, che invece parlerà su “L’oro della sposa: zita senza oru?”.

 

s. m.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry