fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 Ragusa, 26 novembre 2014 – Dal 5 al 31 dicembre la Galleria Quadrifoglio di Via Santi Coronati 13 a Ortigia propone una mostra personale di Carmelo Candiano (inaugurazione venerdì 5, ore 18.00) a cura di Elisa Mandarà.

L'artista, storico esponente del Gruppo di Scicli, torna a esporre nella galleria di Mario Cucè undici anni dopo la sua ultima mostra.


Saranno presentate una ventina di opere tra quadri e sculture, di varie dimensioni e tecniche, che si muovono tra “il recupero della fisicità semplice delle cose” e “il colloquio alto con la grande tradizione”.

Scrive Elisa Mandarà nel dépliant della mostra, a proposito dei quadri di Candiano: “Nel suo cosmo pittorico, condotto con l’olio e, in qualche opera, con l’acquerello, si stagliano quali coordinate di accesso il personale sviluppo, formale e ideale, di Michelangelo, Caravaggio, Antonello da Messina, nei pregevoli d’après, che Candiano nutre di fantasia creativa e originalità di timbro, quindi il fulgore sontuoso dell’anemone rosso, la raffinata contiguità tonale dei pochi colori impiegati nella ciotola con frutta, la vis definitoria della pennellata che scommette sui valori plastici degli oggetti del mondo, imboccata dall’artista, che sa, al contempo, soffondere d’una polvere nebulosa poetica le sue nature morte. Arrecando al genere un soffio di vitalità nuova, in dialogo pure con la vocazione prima di Candiano alla scultura”.

Quanto alle sculture, continua la Mandarà, esse “da un lato testimoniano la sua insolubile liaison col sostrato mediterraneo – lo dice già la scelta dei materiali, la pietra pece, l’arenaria, la graniglia – con le sue temperature fisiche e culturali, dall’altro più manifestamente danno voce alla sua capacità di astrattizzare, di stilizzare, di dire la poesia segreta e delicata del visibile”.

Carmelo Candiano (Scicli, 1951) ha studiato scultura nell’Istituto d’Arte di Siracusa e nelle Accademie di Firenze e Venezia. Dal 1980 vive e lavora a Scicli. Ha all'attivo diverse mostre personali e collettive soprattutto insieme agli altri pittori del Gruppo di Scicli.

La mostra può essere visitata tutti i giorni, dalle ore 10,00 alle 13,00 e dalle ore 17,00 alle 20,00.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry