fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ispica, 2 febbraio 2015 – Si è svolta a Villa Principe di Belmonte, giovedì 29 scorso, la manifestazione “Quando il ricordo si fa testimonianza”, organizzata dall’Istituto Comprensivo “Padre Pio da Pietrelcina”, per onorare l’annuale ricorrenza della “Giornata della Memoria”. La manifestazione è stata tenuta a due giorni di distanza per poter dare ai ragazzi dell’Istituto e a tutti i presenti la possibilità di incontrare e ascoltare dalla voce del dottor Bruno Segre, storico e saggista, la viva testimonianza di chi quei tragici fatti ha vissuto. Alla manifestazione erano presenti il sindaco Piero Rustico e l’assessore alle politiche per l’educazione Teresa Amendolagine, nonché una rappresentanza dell’Istituto Comprensico “Leonardo da Vinci”.

Introducendo la manifestazione, la dirigente Maria Teresa Cirmena ha ricordato l’attenzione che l’Istituto “Padre Pio” ha sempre avuto nel ricordare questo ingiustificato e inaccettabile genocidio. «Anche quest’anno - ha evidenziato la Dirigente - abbiamo voluto essere presenti ad un appuntamento così tristemente importante della storia dell’umanità. I ragazzi giungono a questo incontro dopo un percorso di preparazione che li vuole sensibilizzare sulla gravità di ciò che è accaduto settanta anni fa ma che i fatti di oggi rischiano di rendere sempre attuali.»  Molto apprezzate le performance dei ragazzi che tra coreografie, filmati, riflessioni e messaggi di speranza hanno voluto dar voce a tutti quei coetanei a cui la storia ha tolto loro ogni diritto. Toccanti quei cerotti che ogni ragazzo portava sulle labbra a simulare quelle voci spezzate e ancor più commovente quel gesto che a turno ogni ragazzo faceva nel liberare le labbra del compagno accanto per consentire, tramite ognuno di loro, di “ridare” la parola a tutti quegli innocenti vittime di un’atroce persecuzione. Questo ha anche sottolineato nel suo intervento Bruno Segre, commosso dai gesti e dalle parole dei ragazzi, che con la sua testimonianza ha voluto, però, dare una nota di ottimismo ai presenti facendo emergere, in forma di eterna gratitudine, «il comportamento di coloro che pur appartenendo per nazionalità agli oppressori, da questi si sono voluti allontanare, rischiando la loro stessa vita, per proteggere e salvare ebrei, come la sua stessa famiglia, e quanti ritenuti “indesiderabili” da chi si considerava essere superiore, consapevoli che si stava compiendo un atroce delitto nei confronti di milioni di innocenti».

La parola conclusiva al sindaco Rustico che ha sottolineato: «L’incontro odierno, reso ancora più significativo dalla presenza di Bruno  Segre, vuole essere un’occasione per consentire a tutti, giovani e meno giovani, di vivere un’esperienza di memoria diretta con la pagina più buia della recente storia, facendo di questa memoria occasione per la dar vita ad un percorso di formazione di un reale sentimento di cittadinanza europea». Il Sindaco ha poi ringraziato «la Dirigente, i docenti e gli studenti dell’Istituto “Padre Pio” per l’occasione di riflessione realizzata e il Dottor Segre per le parole di apprezzamento nei confronti dei ragazzi della città, apprezzamento che di sicuro gratifica chi ha il compito di guidarla».


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry