fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Vittoria, 13 marzo 2015 – Proseguono anche per l’anno scolastico 2014/2015 gli incontri che la Compagnia Carabinieri di Vittoria, nell’ambito del progetto “Cultura della legalità”, ha organizzato con gli studenti delle scuole medie superiori e inferiori presenti nel territorio della giurisdizione, comprendente i Comuni, oltre che di Vittoria, anche di Comiso, Chiaramonte Gulfi e Acate. 

In particolare, nella giornata di ieri, a Vittoria, il Comandante della Compagnia Carabinieri, Capitano Daniele Plebani, insieme ai militari presenti, ha accolto professori e alunni delle 5^ elementari dell’Istituto “G. Caruano” per una visita della caserma di via Garibaldi. L’occasione è stata propizia per vedere da vicino il quotidiano lavoro, cercando di comprendere il delicato ruolo di operatore sociale svolto nella quotidianità dal Carabiniere. La visita è stata un momento di condivisione e di sensibilizzazione su tematiche di stretta attualità e sugli episodi di vita vissuta quotidianamente dagli alunni, che numerosi sono intervenuti con domande, supportati dal meritorio lavoro che giornalmente il dirigente scolastico e gli insegnanti fanno in questa scuola.

L’incontro di oggi è il primo di una serie, che vedranno protagonisti gli alunni di diverse classi e scuole del territorio della giurisdizione della Compagnia di Vittoria che, nelle prossime settimane, visiteranno la sede del Comando dei Carabinieri.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry