fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 27 marzo 2015 – Nell’ambito del percorso di legalità avviato in collaborazione con l’Istituto Scolastico professionale Paolo Calleri, il Dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Pachino, al fine di informare bene gli studenti circa il tipo di attività svolta e le conseguenze cui vanno incontro quanti hanno a che fare con la piaga degli stupefacenti, ha organizzato e svolto nella giornata di ieri un incontro con gli alunni del predetto istituto.

La conferenza , alla presenza anche del Dirigente Scolastico Prof. Ferrarini e del vice Dirigente Prof. Cicciarella, ha avuto inizio rimarcando come la conoscenza sia l’arma più preziosa. Dopo aver posto una linea di demarcazione tra ciò che è fatto reato e ciò che costituisce illecito amministrativo, il Dirigente del Commissariato ha spiegato quali siano le conseguenze in un senso e nell’altro. 

Spesso la contestazione amministrativa per uso personale delle sostanze stupefacenti viene sottovalutata ma in realtà è quella che più può incidere sul percorso formativo e professionale dei giovani. Infatti, chi è sorpreso a far uso di stupefacente, viene segnalato al Prefetto e può essere soggetto per un periodo non inferiore ad un mese e non superiore ad un anno a sanzioni amministrative come la sospensione della patente di guida, del certificato di idoneità alla guida di ciclomotori, del passaporto e di altri documenti equipollenti o il divieto di conseguirli. 

Attenzione particolare è stata riservata al fenomeno crescente della guida sotto l’effetto si sostanze stupefacenti che continua a mietere vittime così come la guida in stato di ebbrezza. 
L’interazione coi giovani studenti ha posto in luce come una delle problematiche maggiormente sentite è quella del cosiddetto “branco”. Il bisogno di sentirsi protetti, porta i giovani ad aggregarsi, allineandosi con “ chi si sente il più forte”, scadendo in atti di prepotenza, arroganza, di bullismo in senso stretto. 

Altra scottante tematica è stata quella della depressione o meglio del cosiddetto mal di vivere. Molti giovani oggi, inconsapevolmente, sentono il mal di vivere. Accade all’improvviso. E’ un malessere che si ha dentro e non si capisce cosa sia, sembra quasi di trovarsi in una selva oscura.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry