fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

A Scicli musicisti a confronto con gli studenti di una scuola di Scicli per il ciclo di incontri “Fare musica, che impresa”


Scicli, 28 marzo 2015 – “Fare musica, che impresa”, il ciclo di incontri curati da Giovanni Mazzarino, ha preso il via stamani presso la scuola Don Milani di Scicli. Il jazz va tra i banchi di scuola attraverso un’insolita session con i musicisti Alberto Fidone e Marcello Arrabito.

L’iniziativa rientra all’interno della manifestazione “Lo Spettacolo del Jazz” promossa da Vie Note e che inizia stasera alle Quam di Scicli, nella barocca via Mormino Penna, con l’atteso concerto dei fratelli Giovanni e Matteo Cutello and friends.

L’appuntamento di questa sera, in programma alle 20,30, ha dunque vissuto una sorta di anteprima a diretto contatto con le giovani generazioni. Mazzarino si è soffermato sulla storia del jazz per poi parlare del valore dell'improvvisazione e della cultura popolare dei luoghi dove e' nato genere musicale.

Spazio alla musica con Fidone e Arrabito che hanno offerto, agli studenti, un vero e proprio mini concerto con un repertorio di facile fruizione. Alle Quam, abbinata alla rassegna musicale, già dalla scorsa settimana è fruibile la mostra “Autonomie del disegno”, progetto d’arte dedicato al disegno, a cura di Emanuela Alfano, con 50 opere realizzate da 10 artisti.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry