fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Comiso 5 giugno 2015 – Si è svolta il tre giugno, alle ore 17.30 nell’aula magna dell’Istituto Istruzione Statale  Secondario “G. Carducci” di Comiso la Cerimonia di fine anno. 

Durante la serata  sono state  consegnate delle pergamene ricordo agli ex alunni del Liceo Classico che festeggiano quest’anno i 50 e i 25 anni dal diploma ed è stata consegnata anche una pergamena ricordo alla professoressa Antonietta Floridia Iurato che festaggia quest’anno 75 anni dall’iscrizione al glorioso liceo comisano.  

L’iniziativa ha avuto un grande successo sia tra gli alunni dell’istituto sia tra gli ex, sui volti dei quali si coglieva un’evidente commozione che si è trasmessa a tutti gli intervenuti. 

Nella serata poi gli alunni delle quattro sezioni dell’istituto hanno presentato alcuni dei lavori svolti durante l’anno scolastico ed è stata consegnata la borda di studio intitolata all’Ing. Euro Musso, all’alunna Distefano Corinne della sezione Liceo Artistico, diplomatasi l’anno scorso.

Sono state consegnate, alla presenza dei responsabili nazionale e regionale dell’Istituto Cambridge, gli attestati ai ragazzi che hanno conseguito quest’anno la certificazione Pet e First. Inoltre sono stati consegnati gli attestati agli alunni che hanno svolto quest’anno il corso di Autocad, tenuto dal prof. Vincenzo Romeo. Infine gli alunni dell’istituto che hanno vinto concorsi di poesie, narrativa, arte, design hanno ricevuto un attestato di merito.

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry