fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

A Palazzo Zacco dal 4 settembre prossimo la personale di pittura di Giorgio Distefano

 

Ragusa, 28 agosto 2014 – Giovedì 4 settembre,  alle ore 17, nella prestigiosa cornice di Palazzo Zacco di Via San Vito, con il patrocinio del Comune di Ragusa, verrà inaugurata  la mostra “Isola in luce”dell'artista  Giorgio Distefano.  

La personale di pittura, curata da Teresa Lucia Cicciarella,  resterà aperta fino al al 14 Settembre (orari di apertura dal lunedì al venerdì ore 9,00/13,00 - martedì e giovedì anche dalle 15,30/17,30). L'evento culturale fa seguito alla mostra che lo stesso artista ha tenuto a Chiaramonte Gulfi,  dal 22 al 31 agosto scorsi,  all’interno del Museo dell’Olio di Palazzo Montesano. 

Giorgio Distefano, siciliano di nascita (Ragusa, 1972) e toscano d’adozione, ha conseguito il diploma presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze, città in cui vive e lavora.  Tra le sue più recenti partecipazioni a rassegne, mostre e concorsi, il primo Premio della Critica per la Pittura assegnatogli in occasione della LVI edizione del “Premio per l’Arte contemporanea Basilio Cascella” (Palazzo Farnese, Ortona – Chieti) e il “Premio Janua” del Museo Sant’Agostino di Genova. Le sue opere sono presenti in collezioni private e pubbliche tra cui il ThelesiaMuseum di San Roberto (RC), il Gran Caffè Letterario Giubbe Rosse di Firenze e la Galleria Civica di Arte Contemporanea Franco Libertucci di Casacalenda (CB).


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry