fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Retrospettiva di pittura. Chiaramonte Gulfi 2/7 settembre 2014

 

Chiaramonte Gulfi, 1 settembre 2014 – Chiaramonte Gulfi, sua città d’adozione, renderà omaggio dal 2 al 7 settembre 2014, presso il Palazzo Montesano, al pittore Luigi Rabbito, prematuramente scomparso nel luglio del 2011. 

L’inaugurazione di questa importante retrospettiva, curata da Angelo Buscema e Aianna Piermattei e che si avvale del patrocinio del Comune di Chiaramonte Gulfi,   è prevista per le ore 19.

 

Luigi Rabbito è nato a Comiso il 2 Febbraio 1968. Gli anni giovanili sono stati una continua ricerca tra manualità e materiali trattati naturalmente. Il primo studio atelier a Comiso è stato una sfida, una prova allo specchio per cercare di studiare come portare avanti la pittura degli anni 50 e 60 al fine di approfondire la conoscenza di quei pittori straordinari che erano simbolo della ricerca materica. 

Col passare del tempo l'artista si è creata una robusta esperienza sulla materia pittorica rapportata all'immagine figurativa del paesaggio, intriso di natura e architettura urbana con implicazioni di figure rappresentate nel momento del loro quotidiano.

Dagli ingorghi stradali che squarciano i silenzi bucolici della campagna iblea, all’ironia sulla società contemporanea e i suoi protagonisti; rappresentando auto, camion, moto e mezzi pubblici, macchine agricole, come trattori e mietitrebbia, e i loro enormi pneumatici, Rabbito descrive la nostra contemporaneità. L’utilizzo di mezzi moderni irrompe nei silenzi bucolici della campagna ragusana, lasciando solchi inequivocabili.

Il pittore comisano ha esposto le sue opere in diverse città: da Ragusa a Rotterdam, passando per Acqui Terme, Catania e tanti altri luoghi. 

Nel 2010 una sua tela “Social Car” è stata selezionata per il Premio Internazionale “Biennale Arte di Asolo”.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry