fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Pozzallo, 5 luglio 2014 – Aprirà i battenti il prossimo 7 luglio, alle ore 19, la mostra “Animus e Anima” dell’artista pozzallese Carmelo Lorefice che esporrà opere realizzate con pastelli e grafite e alcune sculture.

La mostra resterà aperta fino al 18 luglio, presso lo Spazio Cultura “Meno Assenza”, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 16 alle 22. 

 

Carmelo Lorefice è nato a Modica il 27 agosto 1974. 

Inizia gli studi artistici nel 1989 presso l’istituto Statale d’Arte di Siracusa, dove apprende metodo e progettazione dal prof. Alberto Baio. Nel 1994 si trasferisce a Milano, studia presso all’Accademia di Belle Arti di Brera, frequentando il corso di scultura diretto dal prof. Paolo Gallerani. Si dedica allo studio della materia traendo spunto da artisti come Michelangelo Buonarroti, Medardo Rosso, Francesco Somaini e Auguste Rodin.

Nel 1996 a Palermo conclude gli studi sotto la guida della Prof.ssa Nelida Mendoza, dove la forza espressiva di Michelangelo, le velature cerate di Medardo Rosso, le linee morbide e sinuose di Somaini e la plasticità di Rodin, emergono già nei primi lavori prodotti.
Le prime opere evidenziano le tracce, le impronte, le azioni dell’uomo sulla natura, oggi, la maturità professionale pone l’artista a indagare su ciò che la natura impone sull’uomo.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry