Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Ragusa, 16 marzo 2017 – L’Archeologo ragusano Giovanni Di Stefano, professore di Archeologia dell'Università della Calabria, parlerà il 17 marzo all'ambasciata italiana a Tunisi, sugli scavi da lui eseguiti a Cartagine.

L’équipe italiana del Prof. Di Stefano è stata presente a Cartagine nel 2000 è stata la prima équipe internazionale a riprendere le ricerche sul terreno dopo la primavera araba. 

«Le attività di ricerca italiana a Cartagine - ha detto Di Stefano - si svolgono nell'ambito di una Collaborazione Internazionale e sta vedendo protagonisti dell'antica Cartagine la missione italiana e quella tedesca».

Le ricerche di Di Stefano a Cartagine hanno portato alla luce una porta urbana, una fontana con mosaici e ora una parte dell'impianto urbano vicino all'anfiteatro.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry