Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Firmata stamane la convenzione tra L’Istituto Statale di Istruzione  Secondaria Superiore “Carducci” di Comiso ed il Comune di Ragusa 

  

Ragusa, 3 aprile 2017 – Venti alunni della sezione artistica dell’Istituto di Istruzione secondaria “Carducci” di Comiso potranno ampliare le proprie conoscenze in materia di oreficeria e dei tessuti utilizzati nel settore del costume e della moda, integrando l’esperienza scolastica con  quella lavorativa di un progetto di alternanza scuola lavoro.

Il Comune di Ragusa e lo stesso Istituto  hanno infatti  sottoscritto  stamane a Palazzo di Città una convenzione che consentirà  l'avvio dell'attività di formazione ed orientamento  che si svolgerà presso il Castello di Donnafugata. A sottoscrivere la convenzione sono stati il Sindaco Federico Piccitto e la dirigente scolastica dell'Istituto “Carducci” di Comiso, dr.ssa  Maria Giovanna Lauretta. Gli alunni che parteciperanno a questo progetto saranno seguiti da due tutor, la funzionaria  del Settore cultura del Comune,  dr.ssa Daniela Sgarioto che verrà coadiuvata per le attività in programma dall'architetto Nuccio Iacono, curatore delle diverse mostre sul costume ed accessori antichi della moda che si svolgono nell'antico maniero comunale, e la prof.ssa Sofia Portuese della Istituto “Carducci”.

Alla firma delle convenzione è stato presente  anche il prof. Salvo Garofalo - Funzione strumentale del progetto  alternanza scuola lavoro della scuola di Comiso. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry