fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ragusa, al Centro studi Feliciano Rossitto si presenta il libro di Michele Giardina “Mal di mare” 

Giovedì 15 novembre 2018, alle ore 18.00, nell’Auditorium del Centro Studi “Feliciano Rossitto” (Via Ettore Majorana, 5 – Ragusa) sarà presentato il libro del giornalista Michele Giardina, “Mal di mare” (Armando Siciliano Editore, 2017, pp. 152). Introduce il professor Gino Carbonaro. È previsto l’intervento del dott. Salvatore Burrafato (presidente Unitre di Ragusa).

La presentazione è affidata a Giuseppe Barone (prof. ordinario di Storia contemporanea Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Catania) e Grazia Dormiente (antropologa, poetessa, scrittrice).

La lettura di alcuni brani dal libro è curata dall’attore teatrale Miko Magistro. Concluderà la serata l’autore. 

Il volume tratta argomenti di grande e dolorosa attualità riguardanti il fenomeno della immigrazione di centinaia di migliaia di persone in fuga soprattutto dall’Africa subsahariana verso le nostre coste, con particolare riferimento alla problematica che ruota attorno alle navi delle Organizzazioni non governative.

L’autore, dopo avere trattato l’argomento da cronista in occasione dei vari sbarchi avvenuti nel tempo al porto di Pozzallo, affronta la questione nella sua qualità di scrittore riuscendo a suscitare un grande interesse per la puntuale chiarezza con cui si pone in quel dibattito che continua ad alimentare la cronaca dei nostri giorni. 

Giuseppe Nativo


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry