fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Autore: Massimo Maugeri
Editore: La Nave di Teseo
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Scicli, 14 marzo 2019 – Continuano le “Conversazioni a Scicli” del “Brancati”: Domenica 17 Marzo alle 18.30 Massimo Maugeri dialogherà presso i locali del Circolo letterario (via Aleardi, Scicli) con Giuseppe Pitrolo sul libro “Cetti Curfino” (La nave di Teseo, 2018). 

Massimo Maugeri (Catania, 1968) è autore di racconti, romanzi e saggi. Ha ideato e gestisce uno dei più noti blog letterari italiani: letteratitudine.it (Gruppo L’Espresso). Fra i suoi libri: il romanzo “Identità distorte” (2005), i racconti “Viaggio all’alba del millennio” (2011), il racconto “La coda di pesce che inseguiva l’amore” (2010), scritto a 4 mani con Simona Lo Iacono, il saggio “L’e-book è (è) il futuro del libro” (2011), i saggi Letteratitudine, il libro (2012), il romanzo “Trinacria Park” (2013).

Un giornalista giovane e spiantato, Andrea Coriano, entra in un carcere per incontrare una detenuta, Cetti Curfino. Gli si pone davanti una donna prorompente, labbra carnose, corpo colmo, occhi che rivelano abissi. Andrea ha letto la storia di Cetti sui quotidiani: una donna semplice, un marito che muore mentre lavora in nero, un figlio da sistemare e una lenta discesa nelle viscere di una società che sa essere molto crudele. Una storia di politici senza scrupoli e amici fedeli, di confessioni improvvise e segreti infamanti, un caso che ha fatto molto parlare ma che adesso sta per spegnersi, ingoiato da altri clamori. Il giornalista ha subito creduto che la storia di Cetti andasse raccontata e ora che se la trova lì - ferina, impastata di dialetto, dolore e femminilità - capisce di non essersi sbagliato.

Chi è Cetti Curfino? Qual è la storia che l'ha portata in carcere? Sarà in grado di aprire a lui i percorsi oscuri che l'hanno condotta fin lì? Andrea non ha molte armi professionali in tasca, e nemmeno molti strumenti di seduzione. Può sfoderare solo con una certa autoironia le proprie difficoltà: la vita con zia Miriam, ad esempio, e le corse in macchina per portarla in giro con il suo festoso gruppo di amiche di mezza età, vedove ringalluzzite dalla gioia di godersi la stagione del tramonto. Però la voce di Cetti non gli dà tregua: vibrante nel suo italiano imperfetto, sembra salire dalle profondità della terra di Sicilia…

 

Presso il “Brancati”, inoltre, continua la mostra di Machi (Chiara Manenti). 

 

Giuseppe Pitrolo


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry