fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 29 dicembre 2014 – Sabato 27 dicembre presso la Caffetteria Busacca a Scicli, si è tenuta la presentazione del libro di poesie “Il peccato di pregare” del giovane Raffaele Gueli.

Buona l’affluenza di pubblico qualificato. Ottime le presentazioni dei relatori, prof. Minauda, prof.ssa Militello, prof. Modica e don Antonio Sparacino.

Raffaele Gueli è nato a Ragusa nel 1984 e si è laureato a Catania in psicologia clinica nel 2011. Si è occupato dell’infanzia nei quartieri a rischio della periferia di Catania. Oggi si occupa di autismo e disabilità psichiche gravi lavorando, oltre che come psicologo, anche a scuola come assistente alla comunicazione e all’autonomia.

Il libro “Il peccato di pregare” edito nel 2013, è alla sua seconda ristampa.

Si tratta della seconda raccolta di poesia dell’autore. Della prima, “Dolce dolcissimo vivere”, è stata rappresentata una scenografia teatrale. Vari sono i premi letterari vinti nel 2011, 2012, 2013. Nel 2014 con la videopoesia “Testo corale per il sud”, vince il premio “Qualità e originalità del testo” al festival internazionale dei cortometraggi”Versi di luce”.

Sue poesie in vernacolo sono presenti in alcune antologie. Vari sono i blog e le riviste culturali in cui i suoi lavori sono recensiti.

Molti gli eventi culturali in cui è stato presente come ospite.

 

Bartolomeo Minauda


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry