fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Modica, 27 gennaio 2015 – Sabato 31 gennaio alle ore 17, presso l’Auditorium ‘Salvatore Triberio’ al Palazzo della Cultura di Modica, sarà presentato il libro

del dottor Giuseppe Caccamo (medico di famiglia), Come vivere bene, oggi.

La presentazione sarà curata dal Prof. Piergiorgio Barone, scrittore e responsabile editoriale. L’attore Saro Spadola leggerà alcune pagine.

 

Porteranno il loro saluto il Direttore Generale ASP 7 Ragusa, dr. M.  Aricò; il Presidente Ordine dei Medici Ragusa, dr. S.  D’amanti, il Sindaco di Modica, Ignazio Abbate e l’Assessore alla Cultura, prof. O. Di Giacomo.

Sarà presente l’Autore.

  

Il libro, edito da Santocono Editore, si presenta come una guida, un vademecum originale, lungo la linea tracciata da una visione olistica della medicina odierna per affrontare lo stress quotidiano, martellante, che toglie la calma, la pace, la gioia di vivere. 

Le pagine, disseminate da oltre un centinaio di foto tutte a colori e che hanno una loro funzione catartica, suggeriscono, passo dopo passo, alcuni comportamenti pratici, da sperimentare ogni giorno, per vincere lo stress e vivere bene. 

Il linguaggio del testo è semplice, spesso è anche ‘sapienziale’. Procede per motti, esempi, aforismi, incitazioni, citazioni, perché l’Autore vuole coinvolgere emotivamente il lettore-paziente nella ricerca incessante della salute, del benessere.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry