fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

“Incontri in biblioteca”: il libro di Serena Poidomani “Ritratto di donna fiorentina” presentato al tecnico “Gagliardi” di Ragusa da Oriana Occhipinti  

 

Ragusa, 19 marzo 2015 – Archiviato il primo appuntamento de  “Incontri in Biblioteca”.

Ha ideato  gli incontri letterari  l’Istituto Tecnico Tecnologico “Gagliardi”, con l’intento  di  avvicinare gli studenti alla lettura e sfatare il luogo comune che etichetta gli studenti degli istituti tecnici meno propensi ad aprirsi alle varie branche del sapere e alla lettura . 

Il primo appuntamento  si è  svolto alla Biblioteca dell'Istituto "Gagliardi" di Ragusa dove è stato presentato il romanzo "Ritratto di donna fiorentina", opera prima della giovane scrittrice iblea Serena Poidomani, già finalista al premio “Letteraria 2014” di Fano.

 

 Il romanzo è stato pubblicato nel luglio del 2013 e affonda le radici sulla madre di Leonardo Da Vinci, Caterina, figura emblematica che influenzerà il comportamento del figlio e soprattutto la sua psicologia in età adulta. 

È la madre, infatti, che è all’origine di una serie di comportamenti che determineranno gli eventi futuri dell’artista fiorentino. 

“Ho voluto scrivere questo libro- ha detto l’autrice, Serena Poidomani-  perché il mio è un sentimento di amore verso Leonardo,  per ricercare la sua solitudine di uomo e questo romanzo è un’affettuosa indagine sulla sua infanzia e le conseguenze  su di lui come artista”. 

 

 Il romanzo, infatti,  è incentrato sulla madre di Leonardo da Vinci, una figura che è mancata al figlio lungo quasi tutto l'arco della sua vita ma ne ha ispirato, indirettamente, la vocazione artistica e l'attitudine a sperimentare sempre nuove strade della conoscenza. L'incontro è stato introdotto dalla professoressa Oriana Occhipinti, docente di Materie letterarie del "Gagliardi", che ha presentato il romanzo e ha posto all'autrice una serie di domande: ne è scaturito un vivace dibattito, che è stato intervallato dall'esecuzione di brani musicali di tradizione medievale e rinascimentale, cantati dall'autrice del romanzo insieme alla sorella Fiammetta, versatile musicista che ha suonato l'arpa celtica. All'incontro , oltre al dirigente scolastico Nunziata Barone, hanno partecipato docenti e alunni del "Gagliardi" ed un pubblico molto attento. . 

 

 “Come scuola abbiamo voluto organizzare questi incontri – ha detto la relatrice, professoressa Oriana Occhipinti- perché ci interessa molto avvicinare i ragazzi alla lettura e affinché vengano coinvolti in prima persona. Nello stesso tempo vorremmo far crollare un luogo comune  che vuole che gli istituti tecnici  non mostrano un interesse particolare per le lettere ed i romanzi e  pensiamo di poter utilizzare la Biblioteca come centro di riflessione e scambio  tra le varie branche del sapere in modo tale da poter alzare il livello degli interessi dei nostri studenti”. 

 

 La presentazione è stata la prima di una serie di iniziative denominata appunto "Incontri in Biblioteca".

Il prossimo appuntamento sarà  il 23 aprile, sempre nei locali dell’Istituto Gagliardi con la presentazione del nuovo libro dello scrittore calatino Domenico Seminerio.

 

Giovannella Galliano

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry