fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 24 aprile 2015 – Si è conclusa la maratona di lettura alla Direzione Didattica Paolo Vetri che ha coinvolto anche le sezioni della Primaria  della sede Cesare Battisti per la “Giornata Mondiale del libro”, #ioleggoperché. 

Sono state due le giornate in cui gli alunni hanno avuto modo di incontrare scrittori e attori per gustare ancor di più la lettura di un racconto, di un testo teatrale, di una fiaba. Condividere il piacere di leggere vuol dire anche imparare a riconoscere le buone letture per trarne anche degli insegnamenti. 

Tra gli ospiti: Michele Arezzo, Federica Bisegna, Nino Cirnigliaro Fabio Guastella, Milena Nobile, Marinella Tumino. 

L’evento è stato  in collaborazione alle libraie Cristina Guastella e Valeria Iacono della libreria per ragazzi “Nasinsù che si sono prestate a diffondere il loro amore per i libri e la recitazione ai bambini di seconda.  

Fantasia e gioco per i piccoli delle classi prime che l’attore Fabio Guastella ha saputo coinvolgere  con la sua grande abilità. Dalle classi terze alle quinte la presenza dello scrittore è stata inevitabile. Il giovane Michele Arezzo ha voluto parlare ai bambini del piacere della lettura ed ha letto loro anche un bellissimo testo “La grande fabbrica delle parole”, edito da Terre di Mezzo, dove si parla di un paese in cui le parole sono in vendita e solo i più ricchi possono permetterselo. 

L’incontro ha suscitato molte domande a cui lo scrittore ha piacevolmente risposto. Con le classi quarte, invece, l’attrice Federica Bisegna ha voluto intrattenersi leggendo e narrando, alla sua inimitabile maniera,  la bellissima “Favola dei saltimbanchi” di Michel Ende. Una storia d’amore semplice centrata su una compagnia di girovaghi disperati perché privi di pubblico.

L’unica salvezza però ha un prezzo molto alto ma la compagnia  deve affrontare diverse sfide,  sofferenze e decisioni importanti. Una morale semplice che ha fatto capire ai bambini che non può esserci felicità senza la sofferenza. 

Incollati alle labbra dell’attrice i piccoli hanno interagito nel racconto. Con le classi quinte l’appuntamento  più impegnativo, ovvero l’incontro con due scrittori:  il professore Nino Cirnigliaro, penna affermata e storico di grande prestigio nel panorama letterario siciliano;  autore di diversi libri tra cui, “Palazzi e Catoi’, centrato sul ricordo della sua infanzia dai 9 anni in giù passata a Vizzini. I luoghi, i volti e i racconti dell’epoca  impressi nella memoria quasi fotografica dell’autore hanno tenuto alta l’attenzione degli alunni. Alcuni brani sono stati letti dall’attrice Milena Nobile che ne ha impreziosito ulteriormente  la visione descrittiva. L’altra, la professoressa Marinella Tumino, è una scrittrice emergente con la passione non solo per il romanzo, (da poco ha dato alle stampe “Frammenti d’anima”) ma anche per i racconti  con cui ha vinto parecchi premi e pubblicazioni in antologie. 

A scuola per i ragazzini di quinta ha portato un suo racconto,  “A piccoli passi-lettera a mio figlio” che, per meriti letterari, è stato pubblicato dalla casa ed. Kimerik nell'antologia AMORE E PSICHE. Una lettera commovente che l’autrice ha scritto al figlio nato prematuro e che descrive i patemi d’animo e le paure di una madre prima e dopo la nascita. I bambini, ma anche le loro insegnanti durante la lettura, anche questa affidata alla voce dell’attrice Milena Nobile, si sono commossi e per questo hanno anche ringraziato l’autrice per i bellissimi momenti vissuti. 

Soddisfatti della risuscita  la preside, professoressa Beatrice Lauretta e la vicaria, professoressa Graziella Moltisanti che ha curato l’organizzazione logistica ed i contenuti di questa Giornata mondiale del libro 2015.

 

Giovannella Galliano

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry