fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Presentazione del volume di Andrea Guastella, Il ramo verde (Aurea Phoenix Edizioni, Ragusa, 2015) 

 

Relatore: Vincenzo Cascone

Letture di: Chiara Bentivegna

Civica Raccolta “Carmelo Cappello”, Palazzo Zacco, via San Vito 158, Ragusa (+39.0932.682486 - Centro Servizi Culturali, Ragusa) 

Martedì 23 giugno ore 18

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Ragusa, 19 giugno 2015 – Martedì 23 giugno alle ore 18.00, presso la Civica Raccolta “Carmelo Cappello” di Palazzo Zacco a Ragusa (via San Vito 158), la presentazione di Vincenzo Cascone e le letture di Chiara Bentivegna introdurranno la raccolta di scritti sull’arte di Andrea Guastella Il ramo verde (Aurea Phoenix Edizioni, Ragusa, 2015). 

Dalla premessa dell’autore: «Questo libro somiglia a un diario. Non è molto diverso, in ciò, da due volumi che lo hanno preceduto, Viaggio a Sud Est e Un altro viaggio. Come in quei lavori, anche qui ho raccolto saggi, interviste, articoli di argomento artistico e di sapore militante pubblicati per lo più nell’anno in corso e in quello precedente.

L’unica novità risiede forse in uno spirito di sintesi, che potrebbe anche essere una scusa per la stringatezza, maturato in occasione del mio recente impegno non solo di critico ma di curatore. 

Non mi sono semplicemente occupato, in parole povere, di presentare artisti, ma di una quantità di aspetti organizzativi, dalla selezione delle opere alla stesura dei cataloghi ai rapporti con la stampa, che hanno ridotto al minimo il tempo dedicato alla scrittura. 

In compenso, mi è rimasto lo spazio per aggiungere la riproduzione di due disegni di Alida Pardo e di alcuni pezzi “nero su bianco” presentati durante la mostra Elogio del disegno che, come spesso accade con la grande arte, non bisognano di presentazioni. 

Un’altra opera, stavolta a colori, campeggia sulla copertina del libro. 

È uno splendido acquerello di Cano, realizzato con ancora negli occhi la luce degli Iblei, da cui Pedro si era da poco staccato dopo due settimane a Ragusa per una personale. 

Raffigura un ramo verde, con un grappolo di olive: i suoi frutti non sono abbondanti, ma si rinnovano quasi di anno in anno. E, ben spremuti, danno un nettare prezioso come l’oro». 

Tra gli artisti incontrati: Francesco Balsamo, Arturo Barbante, Ilde Barone, Salvo Barone, Giorgio Battaglia, Franco Battiato, Giovanni Blanco, Daniele Biazzo, Giancarlo Bonaccorsi, Sandro Bracchitta, Antonio Bruno, Momò Calascibetta, Pedro Cano, Elda Carbonaro, Giampiero Carta, Daniele Cascone, Alessandro Cataudella, Giulio Catelli, Franco Cilia, Sergio Cimbali, Girolamo Ciulla, Valentina Colella, Giuseppe Colombo, Claudio Corallo, Carlo Criscione, Dora Dicara, Francesca Dimanuele, Daniela Dimartino, Nunzio Dipasquale, Atanasio Giuseppe Elia, Franco Filetti, Carlo Massimo Franchi, Salvatore Fratantonio, Piero Guccione, Darren Holmes, Giovanni Iudice, Khadra Yusuf, Giovanni La Cognata, Giuseppe Leone, Giovanni Lissandrello, Giacomo Luziani, Lillo Messina, Franco Mulas, Gaia Nicastro, Milena Nicosia, Nisveta, Vincenzo Nucci, Sergio Occhipinti, Arianna Palmisano, Alida Pardo, Ettore Pinelli, Valeria Poropat, Rossana Ragusa, Giovanni Robustelli, Fabio Romano, Vincenzo Russo, Daniele Salafia, Franco Sarnari, Loredana Sarzano, Adriano Savà, Giò Scifo, Orazio Spadaro, Federico Tisa, Franco Valenti, Renzo Vespignani, Giampaolo Viola. 

Sarà presente l’autore.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry