fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

#Scicli, 8 febbraio 2016 – Sabato 13 febbraio presso la sede del Movimento Culturale Brancati in Via F.M Penna a Scicli alle ore 18.30 verrà presentato “Dormono sulla Collina. 1969-2014” un libro di Giacomo Di Girolamo, giornalista e scrittore. 
Di Girolamo è direttore del portale tp24.it e della radio trapanese Rmc 101 e collabora con la Repubblica e Il Sole 24 Ore. Nel 2014 ha vinto il Premiolino, il più importante premio giornalistico italiano.

Definito la Spoon River italiana il libro è una narrazione cronologica della storia italiana attraverso le parole di persone scomparse che la storia l'hanno subita, l'hanno vissuta e ne sono stati, piccoli o grandi protagonisti. Uno spaccato dell'Italia raccontata attraverso le parole delle ombre che parlano delle ombre, delle omissioni, dei misteri (talvolta in maniera esplicita, talvolta in maniera allusiva) di un Paese al tramonto, un Paese che ha un'anima fossile, che ha fatto della decandenza e della precarietà uno status. Le voci che provengono dalla collina raccontano, dal loro punto di vista, disgraziatamente privilegiato, una storia sbiadita dal sole, illogicamente sedimentata. “Anni plumbei, anni mirabili, anni di schermi televisivi accesi e di fari spenti nella notte, anni di pop e di partiti popolari, con le inevitabili afferenze di mafie, logge, piovre, rivoluzioni mancate, riforme promesse e promesse rimandate, cronache nere e cronache rosa, un partigiano come presidente e presidenti campioni di partigianeria.”
Il Libro è edito dal Saggiatore.


Sarà presente l'autore. Modereranno Lucia Nifosì e Caterina Riccotti.

 

Monica Occhini


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry