fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Pozzallo, 13 aprile 2016 – Lunedi 18 aprile alle ore 18 sarà presentato a Pozzallo presso lo Spazio Cultura “Meno Assenza“ il libro di Mario Primicerio, presidente della Fondazione Giorgio La Pira di Firenze, Con La Pira in Viet Nam.

Il libro è la prima ricostruzione completa e documentata del viaggio che Giorgio La Pira - accompagnato da Primicerio - fece ad Hanoi nel novembre 1965; del tentativo da lui fatto, tramite Fanfani - allora Presidente dell'Assemblea dell'ONU - di favorire l'inizio dei negoziati. Nel libro si parla anche della fuga di notizie e delle polemiche successive.

Il volume contiene una documentazione completa e in gran parte inedita, che comprende il  " diario di viaggio " mai pubblicato.

La prefazione del libro è stata scritta da Romano Prodi: “ Queste memorie di Primicerio sulla mediazione per aiutare il raggiungimento della pace in Viet Nam  .. analizzano, in modo rigorosamente documentato, tanto il lungo e difficile processo di mediazione del sindaco di Firenze quanto la strumentalizzazione che venne fatta all’interno della politica italiana.

La lettura dei copiosi documenti di questo libro ci mostra che La Pira costruiva e proponeva soluzioni che pin bla storia successiva ha dimostrato essere valide e concrete proposte di pace “.

L’iniziativa è stata promossa dall’Associazione per la gioventù Giorgio La Pira, dalla Diocesi di Noto e dalla Fondazione Giorgio La Pira di Firenze.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry