Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Grande attesa per le Conversazioni femminili a Scicli: infatti sono imminenti tre importanti incontri letterari: 

Mercoledì 5 Aprile 2017 con SILVANA GRASSO;

Domenica 9 Aprile con la poetessa SILVANA GILIBERTO;

Domenica 7 Maggio con MARILINA GIAQUINTA.

Le tre conversazioni, con Giuseppe Pitrolo, si terranno alle 19.

 

Silvana Grasso è nata a  Macchia di  Giarre, vive a  Gela, dove insegna Greco e Latino presso il  liceo " Eschilo". Collabora con il quotidiano La Sicilia. Ha vinto diversi premi letterari. È stata assessore ai Beni Culturali del Comune di  Catania. Ha esordito con Nebbie di ddraunàra (1993). 

Al “Brancati” proporrà il romanzo “Solo se c'è la luna”: Gelsomina, contadina semianalfabeta, con l’unica ossessione dell’intaglio e della scultura, è costretta dal padre a sposarsi sedicenne con il cinquantenne Girolamo Franzò, tornato ricco in paese dopo un’emigrazione trentennale in America; Franzò cerca la rivalsa nel matrimonio con Gelsomina, ragazzina vergine e ingenua, nella speranza di ricavarne dedizione e prole vigorosa. Rimane deluso: la moglie è chiusa in un mutismo superstizioso; l’erede sperato è femmina, malata di una sindrome incurabile, che la costringerà a vivere al buio per tutta la vita: può uscire di casa solo se c’è la luna. Crescendo, tra lei e l’astro celeste si creerà un’empatia sentimentale e culturale condivisa solamente con l’amica che il padre le impone come custodia fraterna, Gioiella: una ragazza orfana, bellissima e sensuale, ma ruvida e altera… La Grasso “con la potenza di un’immaginazione sgargiante e l’estro di una lingua febbrile racconta lo scontro tra la natura e il moderno nella scena mediterranea di una Sicilia marina e assolata obbligata a piegarsi al primato notturno, per costringerci a ripercorrere il percorso della metamorfosi del mondo nella storia e a ritrovare le tracce di quel destino fatale che - nonostante ogni sforzo di sfuggirgli alla ricerca di un futuro migliore - resiste vitale, luminoso e feroce”.

 

Silvana Giliberto, nata a Ragusa, insegna Inglese, ama i viaggi e l’arte. A Scicli presenterà “Delete Ybris” (cancellate la tracotanza), un appello risoluto, fermo, severo e profondo dove la classicità è comunicazione.

Marilina Giaquinta è nata a Catania dove vive e lavora come dirigente presso la Questura. Coltiva da sempre la passione per la letteratura e l'arte. Ha pubblicato la raccolta di poesie “Il passo svelto dell’amore” (2014) e i racconti “L’amore non sta in piedi” (2015). A Scicli presenterà in anteprima i racconti “Malanotte”. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry