Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Ragusa, 3 aprile 2017 – Venerdì 7 aprile alle ore 17,30 presso il Centro Studi “Feliciano Rossitto”  (Via Ettore Majorana, n. 5 - 97100 - Ragusa) avrà luogo la presentazione del libro di Elio Veltri “Non è un paese per onesti. Storia e storie di socialisti perbene” (Falsopiano editore, 2016, pp. 313).

Introduce il dott. Salvo Di Fini, presidente dell'associazione politico culturale "Itinerari”. Modera il dott. Vito Piruzza, giornalista. Interviene l'autore, On. Prof. Elio Veltri

 

Prima militante socialista, poi sindaco per caso, ematologo, deputato, polemista instancabile, Elio Veltri è autore di non poche pubblicazioni, come “L’odore dei soldi” (con Marco Travaglio) e “Mafia pulita” (con Antonio Laudati). In buona sostanza, un uomo coerente e fermo nelle sue idee. 

La sua recente fatica letteraria, “Non è un paese per onesti. Storia e storie di socialisti perbene”, è il diario appassionante e appassionato, ma anche scomodo, di uno dei protagonisti del dibattito politico e civile italiano. Le battaglie in Comune per il Piano regolatore, l’obiettivo rivolto ad attuare una città a misura d’uomo, l’impegno in consiglio regionale, gli scandali nella sanità e il periodo buio da tutti conosciuto come “Mani pulite”. E’ la storia di un’altra Italia raccontata tra le delusioni nei Palazzi del potere e l’entusiasmo autentico e genuino della gente comune. 

La prefazione è stata curata da Carlo Rossella, la postfazione da Vittorio Emiliani. Impreziosisce il volume un inserto fotografico che si presenta molto originale.

 

Giuseppe Nativo

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry