Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Scicli, 2 maggio 2017 – Cominciano “col botto” le “Sere di Maggio” al torrente Aleardi di Scicli: infatti in anteprima nazionale Venerdì 5 Maggio alla libreria Don Chisciotte SIMONA LO IACONO presenta, dialogando con Giuseppe Pitrolo, il suo nuovo romanzo: “Il morso” (Neri Pozza).  

                       

Simona Lo Iacono è nata a Siracusa nel 1970. Magistrato da 19 anni, ha vinto concorsi letterari di poesia e narrativa. Cura convegni letterario/giuridici. Il suo primo romanzo “Tu non dici parole” (2008) ha vinto il premio Vittorini. Nel 2011 ha pubblicato il romanzo “Stasera Anna dorme presto” (premio Ninfa Galatea). Nel 2013 ha pubblicato il romanzo "Effatà" (premio Martoglio). Cura per la “Sicilia” la rubrica letteraria “Scrittori allo specchio”. Presta servizio presso il carcere di Brucoli come volontaria, tenendo corsi di letteratura scrittura e teatro, mezzi con i quali intende attuare il principio rieducativo della pena sancito dalla Costituzione (art. 27).

“Il morso” si inserisce nella grande tradizione letteraria siciliana (vedi De Roberto Pirandello Tomasi Sciascia Consolo Bufalino Camilleri Agnello Hornby…) che parte dal Risorgimento per descrivere storie, uomini e donne appassionate.

Palermo, 1847: Lucia Salvo ha 16 anni, gli occhi come “due mandorle dure” e una reputazione difficile da ignorare: a Siracusa viene considerata una “babba”: la nomea le è stata attribuita a causa del ricorrere di violente crisi convulsive, con perdita della coscienza. Lucia viene mandata a Palermo a servizio presso i conti Ramacca, un compito che Lucia accetta a malincuore, sapendo che il conte figlio è esigente in tema di servitù femminile: questo cerca una donna che per una volta gli sfugga, dandogli l’impressione che la caccia sia vera. Ma al primo approccio Lucia darà un morso al contino… Le appassionate vicende dei protagonisti s’intersecano con quelle della Rivoluzione siciliana del 1848, il primo moto della ondata di insurrezioni che sconvolse l’Europa in quel fatidico anno.

  Con un linguaggio incisivo Simona Lo Iacono tratteggia una storia di struggente bellezza su un personaggio realmente esistito, una donna unica, fragile e determinata, animata da una tesa e vibrante vitalità.

 

Domenica 7 Maggio alle 19 un’altra anteprima: MARILINA GIAQUINTA presenterà al “Brancati” i racconti “Malanotte” dialogando con Giuseppe Pitrolo.

Marilina Giaquinta è nata a Catania dove vive e lavora come dirigente presso la Questura. Appassionata di letteratura e arte, ha pubblicato la raccolta di poesie “Il passo svelto dell’amore” (2014) e i racconti “L’amore non sta in piedi” (2015).

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry