fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri

Autore: Massimo Cultraro
Editore: Edizioni di Storia e Studi sociali
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Dopo la conferenza di domani a Ragusa (con l'archeologo Giovanni Di Stefano), il prof. Massimo Cultraro presenterà a Modica, giovedì prossimo, il suo libro "L’ultimo sogno dello scopritore di Troia”, Edizioni di Storia e Studi Sociali 2018.

 

La libreria La Talpa presenta un altro appuntamento dei "Giovedì" dedicati ai suoi 25 anni. Questa volta il tema è: archeologia, storia, storiografia. Ospite della presentazione: Massimo Cultraro (Archeologo, Storico e Docente di Archeologia Egea).

Interverranno il Sindaco di Modica Ignazio Abbate, Giovanni Distefano (Archeologo ed attuale Direttore del Polo Regionale di Ragusa per i Siti Culturali e per i Parchi Archeologici di Camarina e Cava Ispica) e Daniele Pavone (Storico)

Giovedì 13 dicembre ore 18, Società operaia di Mutuo Soccorso, Corso Umberto I n. 157, Modica

Col patrocinio del Comune di Modica, la Libreria "La Talpa" in occasione del suo venticinquesimo anno di attività organizza in collaborazione con Paesaggio Barocco - Enoteca Cioccolateria "Sotto San Pietro" un ciclo di cinque "Appuntamenti del Giovedì" che si terranno a Modica presso i locali della Società Operaia di Mutuo Soccorso in Corso Umberto I n. 157. Giuseppe Costanza, Vittoria de Marco Veneziano, Sebastiano Tusa, Vincenzo Jannuzzi e Massimo Cultraro saranno i protagonisti di questo ciclo di appuntamenti che spazieranno tra la cronaca del nostro tempo, le donne che hanno fatto la storia, l'archeologia e le tradizioni siciliane.

L'ospite del quinto ed ultimo appuntamento in programma il 13 dicembre alle ore 18:00 sarà MASSIMO CULTRARO che presenterà il suo libro "L’ultimo sogno dello scopritore di Troia”, edito da Edizioni di Storia e Studi Sociali nel 2018.

Heinrich Schliemann, controverso uomo d’affari, collezionista e viaggiatore tedesco, divenne una celebrità capace di travalicare l’ambito della storia della ricerca archeologica a seguito degli scavi alla ricerca dell’antica Troia dei poemi omerici, condotti a partire dal 1871 in Anatolia presso la collina di Hissarlik e che gli permisero di portare alla luce un sito in cui nel tempo sono stati riconosciuti ed indagati almeno dieci livelli stratigrafici principali che si dipanano dal Bronzo Antico (2920-2500 a.C.) fino al periodo Tardo Bizantino (XIII-XIV sec. d.C.). In particolare, la fortuna di Schliemann si deve al ritrovamento nel secondo di questi livelli stratigrafici – noto come Troia II – del “Tesoro di Priamo”, la cui autenticità resta assai discutibile e discussa, senza contare la denominazione assolutamente impropria, funzionale all’individuazione in questo strato della città omerica (Troia II è inquadrabile nella seconda metà del terzo millennio a.C., mentre quella omerica è da ricondursi al XII sec. a.C., quindi in un’epoca molto più recente), il che tradisce un approccio in cui la volontà di conseguire un risultato sensazionalistico quanto meno si affianca all’attenzione rivolta al dato scientifico, aspetto che non deve affatto stupire in un’epoca ancora pioneristica della ricerca archeologica, in cui sovente la finalità era quella di alimentare l’offerta del mercato internazionale dell’arte per soddisfare la domanda proveniente dai collezionisti e dai musei, tant’è che ancora oggi innumerevoli reperti rinvenuti da Schliemann si trovano esposti nelle collezioni di mezzo mondo.

Massimo Cultraro è archeologo specializzato in Archeologia Egea presso la Scuola Archeologica Italiana di Atene, docente presso l’Università di Palermo, Primo Ricercatore presso il CNR di Catania e membro dell'Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali (IBAM); la sua attenzione è stata richiamata dal rapporto di Schliemann con l’Italia, aspetto cruciale nella biografia dello scopritore di Troia, eppure finora mai oggetto di una trattazione specifica, nonostante nei decenni si siano contate migliaia di opere a lui dedicate. Due i viaggi principali effettuati nel Belpaese – nel 1858 e nel 1868 – animati dalla curiositas da Grand Tour alla ricerca di mirabilia in grado di suscitare quei brividi tipici della sindrome di Stendhal, il tutto sullo sfondo del rapporto di amore ed odio provato nei confronti degli italiani il cui stile di vita ai suoi occhi talora stride con lo straordinario patrimonio storico e artistico che li circonda; viaggi che lo conducono verso sud, a Roma, poi a Napoli – che forse è la città che ha apprezzato di più e dove sventuratamente troverà la morte nel 1890 – e infine in Sicilia, ove la Siracusa preorsiana delude le sue aspettative. Durante questi viaggi, Schliemann non manca di allacciare importanti rapporti con il mondo scientifico che matureranno dopo la scoperta di Troia con le campagne effettuate in Italia – in particolare ad Alba Longa, a Mozia e a Siracusa, ma tra le altre località, in Sicilia egli si reca anche a Segesta, Imera, Erice, Camarina e Taormina – e con la cessione di alcuni reperti rinvenuti ad Hissarlik al Regio Museo di Antropologia dell’Università di Napoli, al Museo Preistorico Etnografico di Roma e al Museo Civico di Bologna.

Massimo Cultraro ha raccolto l’esperienza italiana di Schliemann ne “L’ultimo sogno dello scopritore di Troia”, un saggio ricco di immagini e dalla lettura agevole e piacevole per tutti, particolarmente apprezzabile se si tiene conto che lo studio è desunto da una ricerca molto attenta condotta prevalentemente sull’immenso patrimonio manoscritto di lettere, taccuini e diari personali conservati nel Fondo Schliemann della Biblioteca Gennadius di Atene.

Daniele Pavone

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

A Modica, Giovedì 6 dicembre (ore 18) presso Società operaia di Mutuo Soccorso (Corso Umberto I 157, Modica), si presenta il libro di Vincenzo Jannuzzi "Cucina Siciliana”, Edizioni Affinità Elettive (2017).

Temi: enogastronomia tipica siciliana. Ospite della presentazione: Vincenzo Jannuzzi (Autore ed Editore)

Interverranno il Sindaco di Modica Ignazio Abbate e Gianna Bozzali (Giornalista)

 

Modica, 3 dicembre 2018 – Col patrocinio del Comune di Modica, la Libreria "La Talpa" in occasione del suo venticinquesimo anno di attività organizza in collaborazione con Paesaggio Barocco - Enoteca Cioccolateria "Sotto San Pietro" un ciclo di cinque "Appuntamenti del Giovedì" che si terranno a Modica presso i locali della Società Operaia di Mutuo Soccorso in Corso Umberto I° n. 157. Giuseppe Costanza, Vittoria de Marco Veneziano, Sebastiano Tusa, Vincenzo Jannuzzi e Massimo Cultraro saranno i protagonisti di questo ciclo di appuntamenti che spazieranno tra la cronaca del nostro tempo, le donne che hanno fatto la storia, l'archeologia e le tradizioni siciliane.

L'ospite del quarto appuntamento in programma il 6 dicembre alle ore 18:00 ed inserito nel programma ChocoMObook di ChocoModica 2018 sarà VINCENZO JANNUZZI che presenterà il suo libro “Cucina Siciliana”, edito da Edizioni Affinità Elettive nel 2017.

«La Sicilia è forme cangianti, colori violenti, profumi intensi. Così è anche la sua cucina. La passolina e la sarda si sposano, il verde e il rosso si amalgamano, il dolce e il salato si baciano. È un trionfo, un'esplosione, una sinfonia. Il cucinare è un'arte e, in Sicilia, è sublime». L’incipit di “Cucina Siciliana” è una citazione particolarmente significativa e pertinente che non solo omaggia un altro celebre libro di cucina (“Cucina di Sicilia” di Paola Andolina, Flaccovio Editore), ma riflette anche la linea editoriale del libro e dunque la personalità del suo autore.

Quello di Vincenzo Jannuzzi è un nome forse poco noto al grande pubblico, ma molto conosciuto tra gli addetti ai lavori: studioso scrupoloso ed attento, particolarmente appassionato di archeologia, storia e politica, editore e scrittore prolifico, conosce profondamente la Sicilia e le sue tradizioni avendola percorsa palmo a palmo incontrando le sue genti, attraverso le città e le località più caratteristiche, gli infiniti paesaggi, il mare e le isole – come le Eolie cui ha dedicato un altro libro di enogastronomia: “Cucina Eoliana”, Edizioni Affinità Elettive 2017 – e dalla “sua” Messina gli è stato facile riservare la medesima attenzione anche alla Calabria (“Cucina Calabrese”, Edizioni Affinità Elettive 2016).

Il cibo è lo specchio della storia dei popoli, racconta delle tradizioni e delle loro origini, unisce gli odori e i sapori di terre un tempo lontane. “Cucina Siciliana” non è solo un ricettario tipico: costante è l’attenzione per il dato storico, mai casuale ed improvvisato, così come per le feste e le sagre in cui si celebra l'enogastronomia tipica siciliana, raccolte in una preziosa sezione; la stessa cosa può dirsi per la veste grafica, fondamentale in un’opera che esattamente come le pietanze di cui tratta, deve appagare anche lo sguardo del lettore. Infatti, se piacevolissimo è il carattere tipografico usato per la descrizione della preparazione dei singoli piatti che – non senza una nota di nostalgia – ricorda il corsivo del quaderno delle ricette della nonna, immancabile nella dispensa di ogni famiglia siciliana, quel che appare davvero straordinario è il ricchissimo corredo fotografico – tipico delle produzioni di Jannuzzi che è autore anche di splendidi calendari – evidentemente ispirato dall’incipit iniziale: il libro riverbera i colori accesi del Mediterraneo, risuona dei canti dei pescatori e delle cicale di campagna che friniscono tra il profumo del finocchietto selvatico e dell’origano, mentre il gusto pungente della ricotta salata, ammorbidito dalle melanzane e dal pomodoro, pervade il palato che assapora già la croccante dolcezza delle mandorle, illuminate dalla luce calda dell’Africa che traspare attraverso il gelo rinfrescante della granita di limone; alcuni meravigliosi cannoli quasi fuoriescono dalla quarta di copertina: viene voglia di prenderne uno con le dita per portarlo alla bocca e mangiarlo, ad occhi chiusi... In breve, “Cucina Siciliana” è un libro che mette appetito e ispira il desiderio di cucinare, con la consapevolezza che alla fine si assaporerà un piatto che rifletterà il gusto della Sicilia e della sua storia.

                          

Daniele Pavone

Autore: Sebastiano Tusa
Editore: Edizioni di Storia e Studi Sociali
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Le antiche radici identitarie del popolo siciliano ai raggi X nel terzo incontro degli Appuntamenti del giovedì a cura della libreria La Talpa. Ieri pomeriggio a Modica l’archeologo e attuale assessore regionale dei beni culturali Sebastiano Tusa

 

Modica, 30 novembre 2018 – Vari saggi che centrano vari argomenti: un inquadramento storico, archeologico e filosofico sul Mediterraneo antico; le forme di religiosità delle popolazioni primitive siciliane; l'insorgenza agro-pastorale nell'isola ossia la transizione tra le società di cacciatori e raccoglitori e quelle d’agricoltori e pastori; microcosmi insulari straordinari come Pantelleria e le Eolie; infine, le antichissime radici identitarie del popolo siciliano. 

Questi i contenuti dell’opera “Sicilia archeologica” (Edizioni di Storia e Studi Sociali) presentata dall’autore, Sebastiano Tusa, ieri pomeriggio, nei locali della Società operaia di mutuo soccorso, in occasione de “Gli appuntamenti del giovedì”, promossi a Modica per celebrare i 25 anni di attività della libreria La Talpa, rappresentata da Francesco Trombadore, in collaborazione con l’enoteca cioccolateria “Sotto San Pietro”, c’erano Giorgio Solarino e Daniele Pavone, e con il patrocinio del Comune. 

Sono intervenuti l’assessore alla Cultura Maria Monisteri e l’archeologo Giovanni Distefano, attuale direttore del polo regionale di Ragusa per i siti culturali e per i parchi archeologici di Camarina e Cava Ispica.

 

Tusa, docente e scrittore assai prolifico, prima di approdare all’attuale incarico nella Giunta regionale siciliana, è stato soprintendente per i Beni culturali e ambientali di Trapani ed a capo della “sua” creatura, la prima Soprintendenza del Mare istituita in Italia con compiti di ricerca, censimento, tutela, vigilanza, valorizzazione e fruizione del patrimonio archeologico subacqueo, storico, naturalistico e demo-antropologico dei mari siciliani e delle isole minori. Fin dalla premessa ci si rende conto che l’autore ha voluto dare all’opera un taglio più divulgativo e meno accademico, ritenendo che la cultura debba essere patrimonio di tutti e non solo degli iniziati. I nove saggi hanno un unico filo conduttore, pur nella diversità degli argomenti, quello di rintracciare nel sincretismo antropologico quell’elemento identitario che fa della Sicilia non un’isola ma un arcipelago di culture, religioni, popoli e tradizioni.

“Nel primo saggio di taglio autobiografico – ha spiegato Tusa – ho rievocato la figura di Vincenzo Tusa, mio padre, archeologo di chiara fama, che mi guida, da piccolo, sui sentieri di Pantelleria, alla ricerca del “Sese del re”, un monumento funerario megalitico di epoca preistorica. In una foto, stringo la mano di mio padre, quasi in una sorta di passaggio di consegne tra noi due che si realizzerà nel mio impegno nel riesumare le tracce del passato”. 

Nei saggi successivi l’autore, attraverso le sue ricerche sulla terraferma e le  ricognizioni nei fondali sottomarini, tende a dimostrare che l’isola è da considerarsi un ponte di passaggio culturale non solo dall’Africa ma anche dalle coste egee, dai Balcani, dall’Asia Minore, dalla penisola italiana, dall’Europa e viceversa. Galleggiante nel cuore del Mediterraneo che, come dice Henri Pirenne, è oggetto e soggetto della storia, la Sicilia ne assorbe la vita e ne è assorbita. In questo mare si mescolano sostrati e parastrati della storia, lasciando molte tracce che sono tesori umani, storie, idee, segni materiali decodificati dall’archeologia.

 

Daniele Pavone

Autore: Maria Attanasio
Editore: Sellerio
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 28 novembre 2018 – Domenica 2 Dicembre alle 18.30 al “Movimento Culturale Vitaliano Brancati” (via Aleardi, Scicli), il prof. Giuseppe Pitrolo dialogherà con Maria Attanasio sul pluripremiato romanzo storico “La ragazza di Marsiglia” (Sellerio).

La Storia e le storie; la militanza politica; il comunismo; il femminismo; la “scrittura femminile”; l’esigenza di opporsi al “pensiero unico”; la memoria: questi i temi cari alla scrittrice Maria Attanasio, che è nata nel 1943 a Caltagirone, dove è stata preside al Liceo Classico e consigliere comunale del  PCI. Ha pubblicato poesie (Interni, 1979; Nero barocco nero, 1985; Amnesia del movimento delle nuvole, 1996; Blu della cancellazione, 2016) e saggi. Del 1994 è Correva l’anno 1698 e nella città avvenne il fatto memorabile (Sellerio), cronaca-racconto su una donna-uomo vissuta nella Sicilia barocca. Del 1997 sono le Piccole cronache di un secolo, scritte insieme a Domenico Amoroso e ambientate nella Caltagirone del Settecento. Del 1999 è Di Concetta e le sue donne (Sellerio), “racconto della interminabile (e interminata) lotta per la costituzione della sezione femminile del PCI di Caltagirone” e storia di Concetta La Ferla, “tardocapopolo e protofemminista che per trent’anni fu la protagonista assoluta della lotta di classe e di liberazione delle sue donne (…) Lotta contro il bisogno, desiderio di libertà, sete di giustizia: ma anche sogno di felicità. Il sogno della rivoluzione”.

Del 2007 Il falsario di Caltagirone, romanzo incentrato su Paolo Ciulla, personaggio realmente esistito. 

Del 2013 è il romanzo è Il condominio di Via della Notte, “un omaggio alla tradizione distopica di Huxley e Orwell, un romanzo che racconta una potenziale deriva della nostra stessa realtà. Una metropoli contemporanea, ‘il migliore dei mondi possibili’, una società basata su ordine e sicurezza in cui un decalogo ferreo sancisce confini legislativi e morali. Confini che però una donna, armata solo di storie e di parole, è in grado di infrangere”.

“La ragazza di Marsiglia” (2018) è il ritratto dell’unica donna che partecipò all’impresa dei Mille: simboleggia l’immagine del Risorgimento perduto, della sua parte sconfitta e più bella, in un romanzo sulla libertà di pensiero.

Chi sfogliasse L’album dei Mille, galleria fotografica degli eroi dell’impresa garibaldina, al n. 338 troverebbe la foto di Rosalia Montmasson, l’unica donna che s’imbarcò alla volta della Sicilia. Chi era quest’oscurata protagonista del Risorgimento? Una ragazza che incontra e si innamora di un giovane rivoluzionario pieno di sé, Francesco Crispi, e per amore lo segue in tutte le avventure fino a quando lui l’abbandona? Oppure un’intransigente repubblicana che si lega a un patriota, che alla fine ne tradisce gli ideali?

Per vent’anni Rosalia Montmasson fu moglie di Crispi, che seguì in tutti gli esili, condividendone azione e utopia, senza paura e senza riserve, facendosi cospiratrice e patriota al servizio della causa mazziniana. Si erano incontrati a Marsiglia: lui esule in fuga dalla Sicilia borbonica, lei lavandaia stiratrice che si era lasciata alle spalle l’asfittico paesino d’origine dell’Alta Savoia. Diventata mazziniana anche lei, entrò nella vita di azioni clandestine di lui, perfino le più rischiose e forse terroristiche, giungendo ad assumere un proprio ruolo, stimato anche da Mazzini. 

Poi l’impresa garibaldina, l’Unità, e la svolta monarchica di Crispi. I contrasti tra Francesco e Rosalia si accentuano: ormai la ragazza di Marsiglia è solo un impiccio sentimentale e politico per lui, che nel 1878 – divenuto potente ministro – riesce con cavilli formali e l’avallo di una compiacente magistratura a farsi annullare il matrimonio. Da quel momento, Rosalia Montmasson viene fatta sparire dalla vita di Crispi, dai libri, e dalla memoria collettiva: una rimozione dalla storia risorgimentale che si è protratta fino a oggi; a lei la Attanasio, in questa avvincente indagine storica, restituisce voce e identità, recuperando anche una sommersa e avventurosa coralità di oscuri eroi. 

Con un ritmo narrativo da inchiesta letteraria, la scrittrice ha cercato gli indizi, scavando tra cronache e documenti, appassionandosi alla vita di una donna ribelle a ogni sudditanza. E ce la racconta in un romanzo sulla libertà che è una storia al femminile sul processo unitario italiano.

Il romanzo ha già vinto i premi Maria Messina, I Quattro Elementi, Manzoni per il romanzo storico, Internazionale Città di Como, Basilicata 2018.

 

Giuseppe Pitrolo

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Giovedì 29 novembre (ore 18), presso la Società operaia di Mutuo Soccorso (Corso Umberto I n. 157, Modica) sarà presentato il libro di Sebastiano Tusa "Sicilia Archeologica”, Edizioni di Storia e Studi Sociali (2015). Temi: archeologia, preistoria e protostoria siciliana

Sarà ospite Sebastiano Tusa (Archeologo ed attuale Assessore Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana). Interverranno il Sindaco di Modica Ignazio Abbate e il prof. Giovanni Distefano (Archeologo ed attuale Direttore del Polo Regionale di Ragusa per i Siti Culturali e per i Parchi Archeologici di Camarina e Cava Ispica)

 

Modica, 26 novembre 2018 – Col patrocinio del Comune di Modica, la Libreria "La Talpa" in occasione del suo venticinquesimo anno di attività organizza un ciclo di cinque "Appuntamenti del Giovedì" che si terranno a Modica presso i locali della Società Operaia di Mutuo Soccorso in Corso Umberto I° n. 157. Giuseppe Costanza, Vittoria de Marco Veneziano, Sebastiano Tusa, Vincenzo Jannuzzi e Massimo Cultraro saranno i protagonisti di questo ciclo di appuntamenti che spazieranno tra la cronaca del nostro tempo, le donne che hanno fatto la storia, l'archeologia e le tradizioni siciliane.

L'ospite del terzo appuntamento in programma il 29 novembre alle ore 18:00 sarà l’Archeologo ed attuale Assessore Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana SEBASTIANO TUSA che presenterà il suo libro “Sicilia Archeologica”, edito da Edizioni di Storia e Studi Sociali nel 2015.

Si suole riconoscere tre generazioni di archeologi che hanno fatto la storia della ricerca in Sicilia: la prima fu quella dei pionieri che ha in Paolo Orsi il suo esponente più noto, tant’è che le sue ricerche sono ancora un punto di riferimento; tra i “grandi” della seconda figura senz’altro Vincenzo Tusa, padre di Sebastiano che a sua volta è tra i massimi rappresentanti della terza generazione, quella attuale. Docente e scrittore assai prolifico, egli ha condotto e preso parte a missioni archeologiche in Italia, Iraq, Iran, Pakistan e Turchia; prima di approdare all’attuale incarico nella Giunta regionale siciliana, è stato Soprintendente per i Beni Culturali e Ambientali di Trapani ed a capo della “sua” creatura, la prima Soprintendenza del Mare istituita in Italia con compiti di ricerca, censimento, tutela, vigilanza, valorizzazione e fruizione del patrimonio archeologico subacqueo, storico, naturalistico e demo-antropologico dei mari siciliani e delle isole minori.

Il richiamo del mare, di quel Mediterraneo che assimila ogni cosa facendola propria anche quando le origini sono affatto diverse, che riesce a stimolare lo spirito di adattamento dell’uomo grazie ai suoi mille volti ed alla sua naturale vocazione di «grande pianura liquida» che unisce le terre e i popoli che su di esso si affacciano: il rapporto tra l’uomo e il mare è essenziale nel pensiero di Sebastiano Tusa ed è la chiave interpretativa del libro. Una silloge di nove saggi di preistoria e protostoria siciliana, riccamente corredati di figure esplicative e dallo stesso Tusa scritti, selezionati ed ordinati per accompagnare il lettore lungo un percorso logico nel quale innanzitutto presenta sé stesso ricordando un’escursione a Pantelleria di lui bambino al seguito del padre Soprintendente alle Antichità della Sicilia Occidentale, primo archeologo a ripercorrere le orme di Paolo Orsi su quell’isola; quindi, l’autore introduce la materia del libro attraverso un excursus sui pionieri della paletnologia italiana con particolare riguardo per lo stesso Paolo Orsi e presentando il contesto etnogeografico in cui vanno inquadrati i saggi successivi che raccontano della Sicilia e delle sue genti attraverso lo studio delle testimonianze archeologiche pervenuteci dalla fine del Pleistocene (12000 a.C.) sino agli albori della Storia (IX-VIII sec. a.C.). Citando Luigi Bernabò Brea – altro grande della seconda generazione – questa è un’opera fondamentale per la conoscenza della «Sicilia prima dei Greci» e in occasione della presentazione del 29 novembre a Modica sarà interessante discuterne con l’autore anche alla luce della sua attuale veste istituzionale.

Daniele Pavone

Altri articoli...

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry