fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Incontro molto seguito, alla libreria Flaccavento

 

Mercoledì, 10 maggio 2017 – Dopo Roma, Napoli e Genova, "Un incontro d'anime" , primo romanzo di Annalisa Avitabile, edito da L’Erudita, è stato presentato a Ragusa, alla libreria Flaccavento alla presenza di un nutrito gruppo di persone, dell’autrice e del relatore Carlo Blangiforti.  L’autrice, ha origini siciliane, è nata a Palermo,  ma ha vissuto a Crema dove ha concluso il liceo e poi  a Roma e oggi a Napoli. E’ laureata in Scienze Politiche dal 2012 e questa è la sua prima fatica letteraria
 “Ragusa – ha detto la giovane autrice- è una città che amo, scrigno di arte barocca, impregnata di magia, di calore, di colori e di suggestioni. Qui ho le mie radici da parte di mamma e qui amo sempre ritornare con piacere”.  Il titolo del libro “Un incontro di anime” potrebbe far pensare al primo impatto, ad un romanzo d’amore noi  potremmo aggiungere “non solo”. Questo, infatti è un libro di amicizia tra due ragazzi che si trovano a lavorare nello stesso posto e in cui vengono trattate le tematiche di una ragazza che si confronta con il mondo moderno in cui vive. E’ anche un romanzo epistolare e a detta dell’autrice anche un romanzo di formazione, quello che racconta l’evoluzione dalla fase post-adolescenziale all’età adulta. 

 Da un piccolo estratto di trama sappiamo che  “Veronica, ventisette anni, è una ragazza diversa dalle altre: è schiva, riservata, iper-sensibile. Profondamente insicura e a tratti paranoica, sogna ad occhi aperti e si emoziona per cose che la maggior parte delle persone non nota ne... una passeggiata nel silenzio, un dettaglio, il colore del cielo. Dopo essersi trasferita a Testaccio in un appartamento di studentesse, Veronica trova un nuovo lavoro in un’agenzia di pubbliche relazioni. Come spesso accade, nonostante l’entusiasmo e le aspettative, Veronica si ritroverà a lavorare in una “prigione” fredda e inospitale, con un capo assente e giovani colleghi altezzosi e scostanti.  Ma il destino le ha riservato una sorpresa. Proprio in quel posto di lavoro, attraverso un giocoso scambio di mail iniziato in un freddo pomeriggio di dicembre, Veronica incontra Gabriele. Animati da un irresistibile amore per la scrittura, i due ragazzi iniziano a scriversi ogni giorno, dando vita ad un rapporto epistolare intenso, speciale, fuori dal tempo..”

Ad Annalisa Avitabile abbiamo rivolto alcune domande di rito per saperne di più sulla nascita e lo sviluppo di questo romanzo.


D-Come viene la voglia di scrivere un romanzo?

R- E’ una istanza che senti dentro. Da anni riflettevo sulla precarietà che caratterizza la mia generazione. Una precarietà che non è solo lavorativa e  professionale ma anche sentimentale e relazionale. Nel tempo libero ho deciso di scrivere e mi è venuto abbastanza naturale mettere tutto nero su bianco. Il libro l’ho scritto in sei mesi. Napoli, città ricca di stimoli culturali, mi ha aiutato molto.

D-Da cosa nasce il titolo del libro?

R- “Un incontro d’anime” è l’incontro tra due anime gemelle. Una storia di amicizia sullo stesso posto di lavoro. Veronica e Gabriele scopriranno tramite le frequenti mail l’incredibile affinità delle loro anime. Scopriranno di condividere la stessa visione del mondo, gli stessi ideali,  la stessa sensibilità. Qui però c’è una visione un po’ diversa dell’anima gemella, non intesa come il nostro partner amoroso ma come il nostro alter ego. Una figura a noi speculare con cui intraprendere un percorso che magari non ha niente a vede con l’amore.

D-La storia è stata ispirata da un fatto autobiografico o è frutto della fantasia?

R-In parte si , è autobiografica. Nasce sSu una riflessione di una storia di amicizia che mi è capitata , su alcuni rapporti che negli anni ho intrattenuto. Qualcosa di autobiografico c’è di sicuro..anche se mi dicono che “non si può dire”.

D- E’ possibile un’amicizia così profonda tra un uomo e una donna?

R- E’ molto difficile, specialmente in questo momento storico ma quando si realizza credo che sia l’amicizia più sincera proprio perchè è libera da altre dinamiche che si istaurano con le persone dello stesso sesso. Quindi la mia risposta è si!

D-Quali sono state le difficoltà, per un’autrice al suo primo romanzo, per farsi pubblicare un libro da una casa editrice ?

R- Fortunatamente , con un po’ d’incoscienza non ho penato molto. Ho scritto il libro e l’ho inviato a 10 editori. Una mi ha risposto a favore e non ho dovuto pagare per la pubblicazioni. Purtroppo il mondo dell’editoria è un po’ in crisi e mi sono dovuta interfacciare con alcune problematiche concrete, dalla diffusione alla promozione. Io spero che questo possa essere l’inizio di una carriera.

D- perché Ragusa per presentare il tuo libro?

R- Ragusa è la mia città del cuore, qui ho le mie radici, è la città dei miei nonni ed è un posto pieno di suggestioni. E’ un posto che mi ha sempre messo tanta serenità . Tra le città siciliane in cui ho voluto portare il mio lavoro non  poteva mancare Ragusa. Torno ogni volta che posso e anche questa mi sembrava una buona occasione.

Giovannella Galliano

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

L'Amministrazione Comunale ha aderito al Maggio dei Libri, il cui slogan, quest'anno è “Leggere insieme”. Lo annuncia il vicesindaco, con delega alla cultura, Caterina Riccotti

 

Programma

Venerdì 5 maggio ore 19,00. Libreria Don Chisciotte. Presentazione del libro "Il morso" di Simona Lo Iacono. L'autrice converserà con Giuseppe Pitrolo. (**)

Domenica 7 maggio ore 19,00 Caffè letterario Brancati. Presentazione del libro "Malanotte" di Marilina Giaquinta. Sarà presente l'autrice. Conversazione curata da Giuseppe Pitrolo. (**)

Lunedì 8 maggio ore 19,00 Libreria Don Chisciotte. Presentazione del libro "Ragione & Sentimento", di Stefania Bertola, Ed. Einaudi. Sarà presente l'autrice. (**)

 Martedì  9  maggio ore 18,00 Biblioteca Comunale. – Relatore Massimo Giardina  “ Come e perché si scrive un libro: il lavoro nascosto dietro la produzione di  un libro. (***)

Mercoledì 10 maggio ore 18,30 Libreria Don Chisciotte. "All'origine della tragedia greca: Le Fenicie e Sette contro Tebe". Relaziona la prof.ssa Giusi Carnemolla. (**)

Venerdì 12 maggio ore 19,00 Mavie Spazio Arte, "L'Io", inaugurazione Mostra Personale di Mavie Cartia. Testo critico di Gianni Longo. Aperta fino al 4 giugno. (**)

Sabato 13 maggio ore 19,00  Caffè letterario Brancati. Presentazione del volume "Scicli: onomastica e toponomastica, con appendice araldica" di Salvo Micciché, Ed. Biancavela - Il Giornale di Scicli. Conversazione con Giuseppe Nativo, Stefania Fornaro e Giuseppe Pitrolo e l'autore. (**)

Domenica 14 maggio ore 19,00 Palazzo Spadaro -  Maria Rita Sgarlata (già assessore regionale ai Beni culturali) dialogherà con Pietro Di Rosa e Giuseppe Pitrolo sul saggio "L'eradicazione degli artropodi. La politica dei Beni culturali in Sicilia". Comune di Scicli, "Brancati", Club Unesco Scicli. (*)

Martedì  16  maggio ore 18,00 Biblioteca Comunale – Relatore Giancarlo Poidomani  - Presentazione del libro “I Simpson e la storia” – Incontro con l’autore. (***)

Sabato 20 maggio ore 19,00 Esterno "Mavie Spazio Arte". DrumCircle: 11° DrumStrong Suona Forte (appuntamento in contemporanea mondiale). A Scicli partecipano Lorenzo Rompato, Massimo Carrano, Catia Castagna. Evento a cura di Mavie Spazio Arte e Circles.it (**)

Domenica 21 maggio ore 20,00 Piazzetta Scifazzo- Balcone del Caffè letterario Brancati. "Vittorini nella più bella città del mondo". Introduzione di Giuseppe Pitrolo, Letture di Enzo Giannone, Sindaco di Scicli. (**)

Martedì  23  maggio ore 18,30 Biblioteca Comunale di Donnalucata – Palazzo Mormino  – Relatore Fabio Guastella – Lettura drammatizzata per brani per bambini “Le tre melarance” tratti da  Lu cuntu di li cunti di Giambattista Basile (***)

 Venerdì  26  maggio ore 19,00 Palazzo Spadaro –  Francesca Pisani,  Antonio Ambra e Marcello Pellegrino – Lettura condivisa e musicata del primo romanzo di Camilleri sul Commissario Montalbano:” La forma dell’acqua” ed. Sellerio – Le musiche saranno eseguite dall’Amadeus Ensemble(***)

Sabato 27 maggio ore 18,30 Libreria Don Chisciotte. Presentazione del libro "Il mestiere dell'aria che vibra" di Marco Tutino, Ed. Ponte alle Grazie. Sarà presente l'autore. (**)

Domenica 28 maggio ore 19,00  di Palazzo Spadaro - presentazione del romanzo di Giuseppina Torregrossa "Cortile Nostalgia" - Modera l'incontro il prof. Giuseppe Pitrolo. (*)

Martedì  30  maggio ore 18,00 Biblioteca Comunale – Relatrice Lilli Carbone – Un caso strano – Storia romanzata di un episodio sociale a Scicli. (***)

Mercoledì 31 maggio ore 19,00 Caffè letterario Brancati. Scicli, capitale culturale degli Iblei. Proiezione foto di Gianni Mania: "La città invisibile". Dibattito con l'autore. A seguire il Video "Carmelo Candiano, scultore".(**)

 

  Iniziativa curata:  (*)     dal Comune di Scicli in collaborazione con le  Associazioni

                           (**)   dal Movimento Brancati, Libreria Don Chisciotte, Mavie Spazio Arte, Il Baule, Chiosco 'A Funtana, Osteria del Ponte, Ristorante Ummara, Albergo Diffuso,                                             Hotel '900  - Torrente Aleardi e Area Giardinata di Via Aleardi.

                           (***)    da StartScicli 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Si lavora alla digitalizzazione di tutti i volumi

 

Comiso, 5 maggio 2017 – È un fondo libraio composto da ben 1300 libri e da oggi sono a disposizione degli utenti. Fanno parte del “fondo Alberto Bombace”, indimenticato dirigente regionale e pioniere della valorizzazione dei beni culturali in Sicilia. Sono stati donati durante una sobria cerimonia, dalla moglie Mariella Bombace nelle mani di Renato Meli, presidente della Fondazione Gesualdo Bufalino di Comiso. “Alberto ritorna idealmente a Comiso, sua città natale, ritorna con i suoi libri e per di più ospite di Bufalino”, è stato il commento della moglie di Bombace poco prima del taglio del nastro, nella giornata di ieri, dell’area in cui sono stati allocati i volumi.

La consegna del fondo è stata preceduta da un seminario di approfondimento sul tema “Fondi e collezioni speciali nelle biblioteche, gestione e fruizione” a cui sono intervenuti importanti relatori tra cui Paul Gabriele Weston dell’Università di Pavia che ha parlato della digitalizzazione delle biblioteche, Giulia Cacciatore dell’Università di Grenoble che ha parlato della “biografia di carta” che riguarda l’archivio di Gesualdo Bufalino, ed ancora Piero Innocenti dell’Università della Tuscia che ha parlato della gestione dei fondi speciali nelle biblioteche e Manlio Corselli dell’Università di Palermo che ha tracciato la figura di Bombace. 

“La giornata dei sentimenti, come l’ha voluta definire – spiega Renato Meli, presidente della Fondazione Gesualdo Bufalino – perché abbiamo voluto riaccendere le luci sull’importante figura di Bombace, originario di Comiso, l’abbiamo voluto fare all’interno delle attività programmate nell’ambito del ventennale dalla scomparsa di Bufalino e l’abbiamo fatto con un incontro d’eccezione, avvenuto tra la vedova Bombace e la vedova Bufalino, i rispettivi mariti erano grandi amici. Entrambe non sono volute mancare all’interno di questo appuntamento speciale che ha visto anche un seminario di approfondimento sulle biblioteche, sulla gestione dei fondi librai e sul tema sempre più attuale della digitalizzazione rispetto a cui la Fondazione ha già avviato un progetto”. 

Bombace, come ha spiegato durante l’incontri il prof. Corselli, è stato un uomo di grande cultura e da dirigente della Regione ha rivoluzionato il campo dei beni culturali. Va considerato come il padre della legislazione dei beni culturali siciliani grazie ad intuizioni e decisioni che sono da considerarsi assolutamente innovative per l’epoca in cui furono assunte. 

Il progetto di digitalizzazione dei libri della biblioteca Bufalino rientra all’interno di un rilancio complessivo dell’attività della Fondazione Gesualdo Bufalino, un nuovo corso che è iniziato con il taglio della indennità di carica voluto dal presidente Meli, somme che sono e saranno reinvestite a supporto dei progetti culturali. “Rinuncio all’indennità di carica in favore della collettività e per investire in cultura”, ha detto Meli. I libri donati dal “fondo Alberto Bombace” sono di vario genere, non solo culturali, ma riguardano più ambiti. Moltissimi sono dedicati all’isola e costituiscono sicuramente un prezioso contributo a quanti intendono approfondire la storia, la cultura, l’economia o fare delle specifiche ricerche sulla Sicilia.

Autore: Salvo Micciché
Editore: Biancavela - Il Giornale di Scicli

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Ragusa, 3 maggio 2017 – Maggio: il mese dei libri. Due appuntamenti per presentare il nuovo libro di Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica - con appendice araldica, Biancavela Edizioni - Il Giornale di Scicli (327 pagine), pubblicato nel mese di marzo del 2017.

È un saggio storico-etimologico sulla storia dei cognomi e dei luoghi di Scicli ("Etimologia e storia dei cognomi e dei luoghi di Xicli"), che comprende ampi repertori di onomastica, toponomastica, storia locale, araldica. L'Autore, già nel 1991, per le edizioni de Il Giornale di Scicli, aveva presentato il suo primo volume dedicato alle famiglie sciclitane.

Nel libro si possono leggere citazioni dall'opera di Elio Militello, Guglielmo Pitrolo, Pietro Militello, Paolo Militello, Paolo Nifosì e di alcuni archeologi e storici iblei, e interventi di Giuseppe Nativo e Stefania Fornaro. Prefazione di Giuseppe Pitrolo, Postfazione di Giuseppe Nativo.

Carmelo Errera ha curato la realizzazione grafica dello stemma rio (appendice araldica) coinvolgendo gli alunni dell'Istituto Comprensivo Dantoni (ex Micciché - Lipparini) di Scicli, che hanno disegnato alcuni degli stemmi riprodotti (a colori).

 

Il primo appuntamento è previsto per sabato 13 maggio alle ore 19 presso il Caffè Letterario Vitaliano Brancati, al Torrente Aleardi, a Scicli (Palazzo Susino, non distante dalla libreria Don Chisciotte).

Giuseppe Pitrolo, Giuseppe Nativo e Stefania Fornaro presenteranno il libro ai lettori, intervistando l'autore. È previsto un colloquio con il pubblico.

L'incontro fa parte delle "Sere di maggio al Torrente Aleardi" del Brancati e si inserisce nel programma del Comune di Scicli, "Maggio, mese del libro".

 

Il secondo appuntamento è previsto per venerdì 19 maggio alle ore 18 presso la Libreria Flaccavento (Via Rapisardi 99, difronte Posta) a Ragusa.

Stefania Fornaro e Giuseppe Nativo dialogheranno con l'autore (intervento anche di Giuseppe Pitrolo). Seguirà dialogo con il pubblico.

Maggio, il mese del libro. Al Brancati (Scicli) le sere di maggio

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 2 maggio 2017 – Una manifestazione che vuole avvicinare sempre più i cittadini ai libri, all’arte, agli autori. In un luogo del centro storico che può diventare una “scoperta” o una conferma per tanti che vi abitano.

È una manifestazione che viene dalla base, ma che trova il consenso e l’aiuto dei commercianti e dell’Istituzione Comune di Scicli. Le Sere di maggio, infatti, faranno parte del Cartellone più generale curato dall’Assessorato alla Cultura “Maggio, il mese del libro”.

 

Programma

- Giovedì 5 maggio ore 19,00 Libreria Don Chisciotte. Presentazione del nuovo romanzo “Il morso” di Silvana Lo Iacono. L’autrice converserà con Giuseppe Pitrolo.

- Domenica 7 maggio ore 19,00 Caffè letterario Brancati. Presentazione del libro di racconti “Malanotte” di Marilina Giaquinta. Sarà presente l’autrice. Conversazione curata da Giuseppe Pitrolo.

- Lunedì 8 maggio ore 19,00 Libreria Don Chisciotte. Presentazione del libro “Ragione & Sentimento”, di Stefania Bertola, Ed. Einaudi. Sarà presente l’autrice.

- Mercoledì 10 maggio ore 18,30 Libreria Don Chisciotte. “All’origine della tragedia greca: Le Fenicie e Sette contro Tebe”. Relaziona la prof.ssa Giusi Carnemolla.

- Venerdì 12 maggio ore 19,00 Mavie Spazio Arte, “L’Io”, inaugurazione Mostra Personale di Mavie Cartia. Testo critico di Gianni Longo. Aperta fino al 4 giugno.

- Sabato 13 maggio ore 19,00. Caffè letterario Brancati. Presentazione del volume “Scicli: onomastica e toponomastica, con appendice araldica” di Salvo Miccichè. Ed. Biancavela - Il Giornale di Scicli. Conversazione con Giuseppe Nativo, Giuseppe Pitrolo, Stefania Fornaro e l’autore.

- Domenica 14 maggio ore 19,00 Palazzo Spadaro. Maria Rita Sgarlata (già assessore regionale ai Beni culturali) dialogherà con Pietro Di Rosa e Giuseppe Pitrolo sul saggio “L’eradicazione degli artropodi. La politica dei Beni culturali in Sicilia”. A cura di Comune di Scicli e “Brancati”.

- Sabato 20 maggio ore 19,00 Esterno “Mavie Spazio Arte”. DrumCircle: 11° DrumStrong Suona Forte (appuntamento in contemporanea mondiale). A Scicli partecipano Lorenzo Rompato, Massimo Carrano, Catia Castagna. Evento a cura di Mavie Spazio Arte e Circles.it

- Domenica 21 maggio ore 20,00 Piazzetta Scifazzo - Balcone del Caffè letterario Brancati. “Vittorini nella più bella città del mondo”. Introduzione di Giuseppe Pitrolo, Letture di Enzo Giannone, Sindaco di Scicli.

- Sabato 27 maggio ore 18,30 Libreria Don Chisciotte. Presentazione del libro “Il mestiere dell’aria che vibra” di Marco Tutino, Ed. Ponte alle Grazie. Sarà presente l’autore.

- Mercoledì 31 maggio ore 19,00 Caffè letterario Brancati. Scicli, capitale culturale degli Iblei. Proiezione foto di Gianni Mania: “La città invisibile”. Dibattito con l’autore. A seguire il Video “Carmelo Candiano, scultore”.

 

Vi attendono: Movimento Brancati, Libreria Don Chisciotte, Mavie Spazio Arte, Il Baule, Chiosco ‘A Funtana, Osteria del Ponte, Ristorante Ummara, Albergo Diffuso, Hotel ‘900.

A maggio due presentazioni di \"Scicli: onomastica e toponomastica\"

Altri articoli...

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry