Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 8 maggio 2018 – Patrocinio gratuito per la proiezione, da parte di  Soroptmist  club Ragusa e Vittoria per il film  “Pertini-Il combattente” in programmazione al Cinema Lumiére di via Archimede. 

Presenti lunedì in sala  per la proiezione del film la presidente del club di Ragusa  Antonella Rollo e le socie.  L’idea del patrocinio gratuito per la proiezione viene sia dalla presidente che da Carlotta Schininà, socia del club  di Ragusa e socia di produzione del film che è prodotto da Gloria Giorgianni per ANELE.  

Il film è stato realizzato da Graziano Diana e Giancarlo De Cataldo  dal cui libro è tratta questa pellicola.  Ricordiamo che per ANELE, il regista Graziano Diana, che collabora abitualmente con Simona Izzo e Ricky Tognazzi,  ha scritto anche le sceneggiature sul docu-film su Vittorio Accorsi e Piersanti Mattarella, per il ciclo “Nel nome del popolo italiano”.  Inizialmente Diana e De Cataldo in collaborazione con Mario Almerighi, presidente dell’Associazione Pertini e magistrato, volevano fare una mini fiction di due puntate per la TV. 

L’idea non si concretizzò mai per la scomparsa di Almerighi.  Riprendere l’argomento è stata la prerogativa di questo film in cui lo stesso magistrato e scrittore Giancarlo De Cataldo funge da narratore, nonché da intervistatore delle varie figure politiche e non che hanno avuto un ricordo indelebile del presidente Sandro Pertini. Il film è corredato da documenti originali e da animazioni. 

La prima domanda che De Cataldo si è posto nel suo libro è come raccontare la figura di Sandro Pertini, uomo che ha attraversato da protagonista tutte le stagioni del ‘900 italiano. E rispondere a  questa e ad altre domande è la sua sfida principale. Tra i suoi quesiti c’è anche quella di come cercare di spiegare la vita di un uomo così grande e popolare a suo figlio tredicenne. E l’obbiettivo del film e della casa di produzione ANELE,  è proprio quello di parlare ai giovani, raccontare loro quest’uomo nella sua  grandezza attraverso una raccolta di testimonianze, di documenti fornite dall’istituto Luce e anche delle figure animate,  usando un linguaggio POP, così come lo è stato Pertini del resto, uomo frizzante che si è avvicinato al popolo più di qualunque altro politico. 

La colonna sonora del film è di Pasquale Catalano ma durante il film non mancano brani di artisti di generi diversi  nelle cui strofe viene nominato  il presidente Pertini. Tra questi i noti  Toto Cutugno, Antonello Venditti,  Raphael Gualazzi ed altri ancora.  Il film è stato preceduto dal saluto della presidente del Soroptmist club di Ragusa Antonella Rollo e dall’intervento di Carlotta Schininà per ANELE. 

Presenti in sala alcune socie del club di Vittoria tra Antonella Giardina, giornalista e critica cinematografica. Un grande applauso finale da parte del pubblico in sala  ha suggellato la fine della proiezione.

 

Giovannella Galliano

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 24 aprile 2018 – Se alla musica di qualità dalle sonorità blues accosti un quartetto con la passione musicale innata è facile che  puoi imbatterti nella “Ibla Soul Band”: Salvo Valvo alla chitarra, Angelo Di Martino al basso, Peppe Cerruto alle tastiere e Gianni Bellassai alla batteria. 

Domenica sera a” Le Fate” Caffè letterario di via Cesare Battisti  i quattro ritrovati musicisti hanno eseguito un concerto di grande impatto musicale attirando parecchio pubblico , difficile da contenere all’interno del locale. Molti, infatti, hanno dovuto rinunciare allo spettacolo per esaurimento posti. Sold out e standing ovation il binomio augurale della serata che è stata caratterizzata non solo dall’esecuzione impeccabile di brani  musicali internazionali ma anche dalla lettura  in italiano di alcuni versi delle canzoni eseguite,  a cura di Mario Tumino che ha aperto la serata anche con una breve storia del blues, quello legato alla deportazione di milioni di schiavi neri dal 1600 alla fine dell ‘800 in America.

È in questo periodo storico, infatti, che appaiono i primi canti blues. New Orleans e le rive del Mississipi la loro culla .Qui gli schiavi neri potevano esprimere, attraverso il canto, la loro spiritualità e i loro usi e costumi. Una lezione-concerto, quella di Mario Tumino,  che ha ulteriormente  affascinato il pubblico in sala. 

 I quattro componenti della “Ibla Soul Band”, tutti over 50, con una discreta esperienza musicale alle spalle ma soprattutto con una rinnovata passione  per  il voler fare musica insieme, hanno eseguito brani che hanno segnato la gioventù di molti dei presenti tra il pubblico.  Brani immortali potremmo definirli  come “Somebody Knocking on my door” “Wonderfull tonight”, “Autum leaves ( versione) , “I Will be there”di E. Clapton; “You ain’t goin’nowehere” e “Knocking on even door”  e “You make feel my love”del grande Bob Dylan;  “”Gravity” e “Rolli t home” do J.Mayer;  “Sade yes “di Bruce Sprigsteen; “No More blue” e “Me and wind” di R.Ciotti e altri noti del panorama blues internazionale.  I componenti della band, su suggerimento del bassista Angelo Di Martino, hanno voluto dedicare la prima canzone , “Atlantide” di Francesco De Gregori, unica in italiano e fuori scaletta, ad un amico  che proprio ieri  a Pozzallo ha cessato di vivere a causa di un infarto. 

 A fine concerto il pubblico si è intrattenuto con i musicisti complimentandosi per la scelta musicale .La padrona di casa de “ Le Fate”, Alina Catrinoiu, ha deliziato il palato di tutti con un aperitivo rinforzato dopo concerto .  La band, visto il successo registrato domenica a “Le Fate” e il pubblico rimasto fuori per esaurimento posti, ha promesso di replicare la serata a fine estate, a settembre.

 

Giovannella Galliano

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 23 Aprile 2018 – Jazz  at The Theatre:  Il secondo appuntamento di qualità con la musica jazz al teatro Garibaldi di Modica, sabato 28 Aprile 2018   alle 21,   vedrà  protagonista  sul prestigioso palco il maestro Enrico Lacognata  in "Piano solo".  

L’iniziativa è  promossa dalla Fondazione Teatro Garibaldi  & Thelonious jazz club di Modica. 

Il Progetto “PIANO SOLO” di  Enrico Lacognata propone l’esecuzione, con arrangiamenti originali, di brani appartenenti ad alcuni compositori jazz italiani, con riferimenti stilistici agli standard jazz e alla canzone italiana d’autore. Saranno eseguiti, infatti,  brani appartenenti a jazzisti italiani di nota cifra stilistica, tra cui Enrico Rava, Paolo Fresu, Rosario Bonaccorso, Paolo di Sabatino, Massimo Morricone ecc. con riferimenti ai temi di rappresentativi standards jazz e a quelli della canzone d’autore italiana, quali Luigi Tenco, Fabrizio De Andrè. 

 

Enrico Lacognata è un  musicista Ibleo,  pianista-polistrumentista ed arrangiatore. È docente di tecnologie musicali presso il Liceo Musicale “Tommaso Gargallo” di Siracusa, laureato in Musica e Nuove Tecnologie presso il Conservatorio di Musica “Licinio Refice” di Frosinone, in Musica Elettronica presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Vincenzo Bellini” di Catania e Diplomato in pianoforte e in arrangiamento presso “L’Università della Musica di Roma”. Svolge attività concertistica in varie formazioni jazzistiche: in solo, in trio, quartetto e quintetto con note collaborazioni artistiche. 

Enrico Lacognata è un giovane musicista versatile che ha già ricevuto parecchi consensi in concerti e attività musicali in tutta Italia partecipando con successo a diversi progetti di rilievo  e anche come direttore d’orchestra in manifestazioni di solidarietà. La sua musica è caratterizzata da uno stile inconfondibile che da maestro e arrangiatore Enrico Lacognata ha saputo creare  adattandola alla sua personalità e alle sue emozioni. Per la serata di sabato 28 aprile  Lacognata sarà ricordato e apprezzato dal colto pubblico non solo per le sue doti artistiche ma anche  per la grande originalità di esecuzione.

 

Info: teatro Garibaldi, +39.0932.946991

 

Giovannella Galliano

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 18 aprile 2018 – La programmazione del Cine Teatro Lumière, a Ragusa, dal 20 al 25 aprile 2018.

 

• Giovedì 19 Aprile rassegna "Appuntamento al buio”, "A Ciambra" - Un film di Jonas Carpignano - Orari: 18:30 e 21:30;

• Venerdì 20 Aprile "Il male necessario" film di Salvatore Provenzale e Salvatore Di pasquale girato interamente a Ragusa con attori e comparse ragusane - Orari: 20:00 e 22:00.

Info e prenotazioni al numero 3884382605 (anche su WhatsApp) o via email all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

• Sabato 21 e domenica 22 Aprile "Io sono Tempesta" film di Daniele Luchetti, con Marco Giallini, Elio Germano e Eleonora Danco - Orari: 18:30 – 21:30

• Lunedì 23 Aprile Riposo settimanale

• Martedì 24 e mercoledì 25 (in contemporanea nazionale) "Loro 1" film di Paolo Sorrentino, con Toni Servillo, Riccardo Scamarcio, Elena Sofia Ricci - Orari: 18:30 – 20:30 – 22:30.

 

Settimana ricca di appuntamenti, dunque, al cinema Lumière. 

Giovedì 19 continua la rassegna "Appuntamento al buio" con la programmazione di uno dei migliori film italiani della stagione "A ciambra" di Jonas Carpignano, film designato a rappresentare l'Italia nella corsa agli oscar come miglior film straniero (orari: 18:30 e 21:30).

Sabato 21 e domenica 22 aprile alle 18:30 e alle 21:30 sarà proiettato ancora il film "Io sono tempesta“ ultimo film di Daniele Luchetti (Chiamatemi Francesco, La scuola, La nostra vita) con Elio Germano e Marco Giallini. 

Venerdì 20 Aprile grande esclusiva al cinema Lumiere con la proiezione del film "Il male necessario" di Salvatore Dipasquale e Salvatore Provenzale, interamente girato a Ragusa con attori e comparse ragusane. Orari: 20:00 e 22:00. 

Info e prenotazioni al numero +39.388.4382605 (anche su WhatsApp) o via email all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

Le proiezioni del film "Io sono tempesta" si fermano a domenica 22 (lunedì 23 riposo settimanale) per fare spazio all'uscita in contemporanea del nuovo film del premio Oscar Paolo Sorrentino "Loro 1" con Toni Servillo in una nuova grande prova d'attore nei panni di Silvio Berlusconi.  

Loro è stato a sorpresa diviso in due parti, forse sulla scia di una struttura seriale che il regista Paolo Sorrentino ha già sperimentato in tv con The Young Pope.

Dai trailer diffusi si ha la sensazione che almeno la prima parte, LORO 1, si concentrerà su un Silvio Berlusconi nel pieno della carriera e del potere, quindi post-1994. Il film fa già molto discutere a maggior ragione dopo la decisione di non ammetterlo al prossimo festival di Cannes.

LORO 1 sarà proiettato per due settimane tutti i giorni, escluso giovedì 03 maggio,  alle 18:30, alle 20:30 e alle 22:30.

 

-- 

Cinema Lumière, via Archimede 214 Ragusa, tel +39.0932.682699, cell: +39.349.2249680

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Con lei, al Teatro Donnafugata: Carlo Ferreri, Annalisa Insardà, Vladimir Randazzo

 

Ragusa, 13 marzo 2018 – Tutto esaurito e tanti applausi a scena aperta per la divertente commedia “Matrimoni ed altri effetti collaterali” nelle due serate di venerdì e sabato al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla. 

La pièce si inserisce nella stagione teatrale 2017/2018, proposta con successo dalle direttrici artistiche Vicky e Costanza Di Quattro con la collaborazione di Clorinda Arezzo. La commedia ha fatto centro sul pubblico che ha particolarmente apprezzato la serata scandita dal binomio perfetto regia-cast. 

La brillante regia, infatti, firmata Manuel Giliberti, che ha curato l’adattamento del testo, tratto da “Salviamo le balene” di Ivan Campillo, ne ha sicuramente suggellato il successo insieme al cast d’eccezione che ha visto sul palco del Donnafugata Mita Medici, Annalisa Insardà, Carlo Ferreri e Vladimir Randazzo e l’amichevole partecipazione di Evelin Famà in video. La Medici, la cui nota professionalità si unisce ad una carriera i cui inizi risalgono agli anni ‘70, si è distinta per la sua inusuale ironia scenica che le ha consentito di gestire con leggiadria e padronanza l’intera commedia. 

 

La storia girava attorno alla piatta vita coniugale della figlia Claudia, interpretata da una dirompente e altrettanto professionale Annalisa Insardà, che ha saputo egregiamente sdoppiarsi tra il sogno e la realtà. Partendo da un excursus sui temi che hanno segnato il fatidico Sessantotto, tra cui l’amore libero, la commedia ha ricordato i figli dei fiori che, come dice sulla scena la stessa Jane, il personaggio interpretato dalla Medici, sono stati anche “figli di Bob Dylan, dei Beatles, dell’icona Joan Baez, di Che Guevara …” ed altri noti di quegli anni. L’attore ragusano Carlo Ferreri, sulla scena ha interpretato Gregorio marito di Claudia, ha dimostrato ancora una volta una grande professionalità, frutto di anni di grande impegno sia in teatro che nei set cinematografici, anche come regista. A quella cinica quotidianità richiesta dal testo, Carlo Ferreri ha saputo imprimere quella emozione che fa la differenza. 

Il suo personaggio, infatti, ha toccato la sottile comicità che pochi riescono a trasmettere: quella scandita anche dai soli gesti, quella che trapela da una sola espressione, dal ritmo delle parole piuttosto che dal loro contenuto. Ed il pubblico ha ricambiato con continui applausi. Consensi anche per un altro ragusano in scena, Vladimir Randazzo, che ha interpretato l’aitante e statuario tecnico Fabio, l’uomo chiave secondo la sessantottina Jane, per risolvere il problema dell’infertilità della figlia. Disinvoltura e sex appeal le doti più apprezzate nella sua performance teatrale. 

 

L’intero cast e il regista Manuel Giliberti hanno voluto ricambiare l’accoglienza ragusana ringraziando il folto pubblico del Donnafugata con un grande applauso: “Senza il pubblico - ha detto la Medici - non potrebbe esistere il teatro”. Un plauso è andato anche alla splendida direzione artistica delle sorelle Di Quattro e a tutti i componenti di supporto della stagione teatrale 2017/2018, con in testa il Comune di Ragusa che la supporta con un contributo così come vari sponsor privati. 

L’ultimo appuntamento al Teatro Donnafugata è fissato il 7 e l’8 aprile con Mario Incudine in “Mimì, volere volare”. Un omaggio a Domenico Modugno e alle sue canzoni in dialetto, repertorio inesplorato, prima della sua notorietà.

 

Giovannella Galliano

 

Leggi tutto: Effetti collaterali di un matrimonio da salvare. A Ragusa apprezzata Mita Medici

Altri articoli...

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry