fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ragusa, 12 novembre 2018 – Una versatile Lella Costa ha intrattenuto il pubblico del teatro Donnafugata con la messa in scena dell'appassionante rubrica “Lettere del cuore” di Natalia Aspesi che su Il venerdì di Repubblica ha ottenuto per 25 anni i consensi degli assidui lettori.  

Lo spettacolo è inserito nella Stagione Teatrale del Donnafugata di Ibla, professionalmente diretta dalle sorelle Vicky e Costanza Diquattro e da Clorinda Arezzo.  Stasera si replica e visto il consenso di pubblico di ieri sera, anche oggi sarà un successo. Il nome di Lella Costa ha sicuramente attirato parecchio pubblico, riconoscendole doti attoriali di indiscussa professionalità sia a teatro che come doppiatrice, La sua sicurezza scenica fa sì che per ore si possa stare ad ascoltarla senza mai annoiarsi ed i suoi numerosi successi in giro per l’Italia ne sono una valida testimonianza. Lo spettacolo, nato da un’idea di Aldo Balzanelli e della stessa Lella Costa, si avvale delle musiche di Ornella Vanoni, ed è un vero e proprio ritratto di un intero Paese. Un viaggio attraverso la vita sentimentale e sessuale degli italiani nel corso degli ultimi trent’anni che Lella Costa sa mettere in luce con ironia e intelligenza. I tradimenti, le trasgressioni, le paure, i pregiudizi.

Migliaia di storie intorno all’amore e alla passione che, incredibilmente, non cambiano con il passare dei decenni e l’evoluzione del costume. Centinaia di lettere consolatorie, ma mai banali. Argute, a volte taglienti, ma comunque rispettose. L’attrice ha saputo calarsi nei panni dei personaggi in cerca di risposte imitandone l’inflessione dialettale della regione di appartenenza e quindi dando loro quell’umanità che la carta stampata a volte non può dare poiché non ne riproduce la voce. Le figure che si sono alternate sul palco, quasi si fossero decisamente materializzati, portano i nomi più svariati poiché così si sono firmati nelle loro lettere.  Esilarante la lettera di una donna veneta, rimasta vedova che tra le altre cose scrive: “Ho ritrovato i vecchi amici che a lui non piacevano, vesto come mi piace e mi tingo anche le unghie di rosso che a lui non piacevano. E il dolore per l’abbandono? Niente. Ma allora che razza di amore era il mio se il dopo è così lieve?” E poi c’è chi si è perso l’amante dietro la saracinesca del suo garage, alcova che ogni 15 giorni soddisfaceva i suoi piaceri  alla ricerca della felicità..un “amore” basato su sms , causa  poi della fine del  rapporto poiché l’ultimo erroneamente il protagonista,   Giuseppe di Udine,  l’aveva inviato alla moglie;  qualche altro si è chiesto quanto amore ci fosse in un rapporto a distanza , un altro ha ritrovato il suo primo amore nella maturità e ha continuato a chiamarlo intrattenendo una relazione puramente telefonica chiedendosi se smettere o continuare.

Le donne, invece, sono quelle che nelle loro lettere hanno puntato molto alle conferme sul loro aspetto poco significante o altre, appena sedicenni hanno confessato di stare con più ragazzi contemporaneamente, altre trentenni di essersi invaghite di personaggi famosi tra cui Claudio Baglioni e poi anche Jhonny Depp. Molto belle anche le lettere di ragazzi gay o altri che pur essendo etero si erano invaghiti di transessuali o donne innamorate di Gianna Nannini…

Insomma una carrellata di personaggi tutti diversi gli uni dagli altri ma con l’unica caratteristica comune di rivolgersi alla bravissima Natalia Aspesi che col suo garbo e la sua arguzia, e con  la sua ironia sottile è riuscita a consolare i consolabili e a tener testa a chi a volte l’ha duramente criticata per la sua rubrica accusandola di correggere le lettere dei lettori prima di pubblicarle poiché in esse era praticamente assente ogni errore di sintassi o grammaticale.

Lella Costa è stata gli uni e l’altra, Natalia, prestando la sua inconfondibile voce ai vari personaggi resi sicuramente più reali e meno invisibili dietro quella penna che ha dato libero sfogo alle loro confessioni più intime, raccontandosi come dallo psicanalista.  Lella Costa ha faticato per scegliere un certo numero di lettere tra le numerose affidatele da Natalia Aspesi per raccontare questa Italia, intrisa di numerosi perché, sentimenti, gioie e dolori.

Le canzoni della Vanoni hanno piacevolmente intervallato la lettura e anche lei come per magia si è materializzata in quel palco in cui l’attrice Lella Costa davanti a quel leggio ha saputo dar voce a quelle centinaia di lettere in cui spesso “la risposta si è rivelata migliore delle domande”.

Un omaggio alla sua amica di sempre, Natalia Aspesi che per 25 anni ha saputo tenere una rubrica con la professionalità giornalistica che le appartiene.

Giovannella Galliano


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry