fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 24 aprile 2015 – La Stagione Teatrale del Kiwanis club Scicli che si è chiusa ieri sera al Teatro Italia, non poteva avere migliore conclusione.

Lo Spettacolo "Cose dell'altro mondo" messo in scena da Olimpo Latino è veramente degno di far parte dell'olimpo degli spettacoli di tal genere.

Molto più di un Balletto, molto più di una Riflessione, molto più di Tutto …

Materia dello Spettacolo era semplicemente la Vita con il suo bagaglio di bellezza e di brutture, di gioia, sogni, speranze, fantasie, denuncia, dolore, viltà, morte, spreco …       

Si è iniziato con un pugno allo stomaco, che soprattutto a noi siciliani, fa ancora male, perché è una ferita eternamente aperta: la strage di Capaci e come una catena, tira dietro di sé il ricordo di altre stragi, il filmato col volto sorridente di Falcone induceva a capire quanto lui sia ancora vivo e i morti che camminano, siano invece loro, gli uomini del disonore, i mafiosi.

Un balletto molto semplice e pregnante in cui i danzatori avevano la forza di far palpitare la scritta sulle loro magliette " Il silenzio uccide "

Si procedeva con altre aberrazioni, la follia dei campi di sterminio dei nazisti, la follia dello stupro sulle donne, la follia dei manicomi … 

Tutte danze ballate con bravura, passione, senso del phatos, riuscivano  a trasmettere emozioni e a dare i brividi agli spettatori.

Ma " Cose dell'altro mondo " non si esauriva alla denuncia, c'era spazio per la satira, graziosissima quella politica affidata ai piccoli danzatori, alla satira sul mondo fasullo delle griffe, della corsa senza meta ma frenetica. Per giungere al mondo alienante di internet.

Questo però era una catarsi o se volete un preambolo, per illustrare l'ultimo dei mondi, quello importante, imprescindibile: intessuto di Fantasia, di Sogni, di Amore.

Prendevano vita gli Avatar, le Bambole, i Puffi, Peter Pan, i Fiori, Capitan Uncino, i Cigni del lago fatato di Čiajkovskij.

E sulle ali di quelle note, di quelle danze lo Spettacolo volgeva al termine.

Un emozionato Giovanni Carnemolla, Presidente del club Kiwanis Scicli dichiarava alla fine,  di essere rimasto favorevolmente  colpito nel vedere, bambini aiutare altri bambini. Questo è il senso più giusto dello Spettacolo di ieri sera.            

 

Donatella Carbonaro


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry