fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 29 luglio 2014 – In occasione dell’apertura spazio scenico “Giardini Cantine Gulino” delle Cantine Gulino di Siracusa, il 31 luglio alle ore 21:00 si realizzerà lo spettacolo teatrale multimediale “I Poeti Lirici Greci, l’arte del convivio” di e con Agostino De Angelis. 

Lo spettacolo è inserito nel “Progetto Nazionale “Cultura&EnoGastronomia” ideato dallo stesso De Angelis in cui si farà omaggio alla grande poesia lirica greca, che assieme all’epica omerica è stata preludio di tutta la poesia classica e moderna. Un connubio di parole, ritmo, sonorità, canto, danze, per esprimere un universo sconfinato di concetti: dalla solennità del mito alle trame della politica, dai piaceri del convivio a quelli passionali dell’eros.  

Sin dai Greci, che furono i primi a portare la coltivazione della vite nella nostra penisola e nelle colonie della Magna Grecia, si beveva il vino, simbolo di prestigio sociale, in occasione di banchetti, riti funebri e durante le cerimonie religiose. 

La poesia antica di tutto il Mediterraneo, cantando le gesta di eroi e condottieri, ha spesso citato il vino.

La coltura della vite era diffusa in tutto il Mediterraneo da tempo immemorabile. Bere significava circondarsi di un’atmosfera magica: il vino era esso stesso divinità; chi brindava assieme creava una comunità. Solitamente nei simposi il vino era accompagnato da frutta, noci, mandorle, dolci e formaggi e veniva servito con acqua, spesso si aggiungevano miele e resine, che lo rendevano più stabile e adatto alla conservazione e al trasporto. 

In scena con De Angelis l’attrice Deborah Lentini accompagnati dall’arpa di Laura Vinciguerra, dal soprano Maria Lucia Riccioli e dalle coreografie di Rita Gurrieri della Compagnia di Balletto Mila Plavsic, con la partecipazione di Giulia Acquasana, Marco Scuotto, Adriano Longo, Carmen Bramanti, Giulio Scariolo, Samuele Callari. 

Tele di scena con estemporanea di pittura Cetty Midolo. A fine serata Apericena nel suggestivo giardino. 

 

Per info Cantine Gulino 0931 721218  www.cantinegulino.it.

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry