fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 12 giugno 2015 – Grande successo in Canada due giorni fa, nella  sala auditorium-theatre del Casinò "Rama" di Toronto (Ontario), che ha visto Toto Cutugno in una delle sue tappe Live Tour Mondiale dal titolo  "Un Italiano Vero".

Cutugno durante la conferenza stampa di un mese fa, aveva preannunciato la presenza del tenore Giuseppe Ranzani, che ha aperto il suo intervento canoro con un omaggio all'opera italiana. 

Da "E lucean le stelle" dall'opera Tosca a "Vesti la Giubba" dall'opera Pagliacci, al "Nessun Dorma" dalla Turandot, che per l'occasione  Ranzani ha addirittura eseguito con il doppio finale, codino "Toscanini". 

Lo show ha riservato tante sorprese, con Ranzani che viene richiamato sul palco da Toto Cutugno ed improvvisano il brano Mamma, che ha aperto la strada alla canzone che Cutugno scrisse anni fa, arrivando "secondo" a Sanremo, "Le Mamme”, ed ancora "E Vui Durmiti ancora", che rappresentava un omaggio alla Sicilianità (tanti i siculo-canadesi presenti), e un regalo a se stesso. 

A sorpresa affida alla voce di Ranzani anche il finale del brano “L’Italiano", con varie gags ed improvvisazioni canoro-musicali che hanno decretato un successo vero.  

Ranzani ha detto: «Sin dal primo intervento canoro, tributo all'opera (3 arie d'opera in un medley, particolarmente dispendioso vocalmente), percepivo una grandissima attenzione, una atmosfera surreale e dominare l'emozione non è stato facile, oltre che il carico di responsabilità ...ma è altrettanto vero che sono rimasto sorpreso, non poco, quando le "oltre settemila persone", applaudivano e si alzavano, e mi regalavano  due standing ovation  distanti l'una dall'altra meno di un minuto: sensazioni uniche».

 

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry