fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

20°FESTAL INTERNAZIONALE DEL JAZZ: 12 – 13 – 14 – AGOSTO 2015 ORE 22 PIAZZA XX SETTEMBRE CANICATTINI BAGNI

 

Canicattini Bagni, 11 agosto – Chiusa oggi con il concerto del musicista e cantautore siracusano, Carlo Muratori, la tre giorni della 6° edizione del Festival Etnico, sarà il pianista e trombettista Dino Rubino, ad aprire Mercoledì 12 Agosto 2015 in Piazza XX Settembre il 20° Festival Internazionale del Jazz di Canicattini Bagni.
La presenza di Rubino, come ha reso noto il direttore artistico Rino Cirinnà, è una gradita sorpresa, prima del concerto del sassofonista americano Bobby Watson, a testimonianza dell’affetto che gli artisti che hanno cal- cato il questi anni il palco di Piazza XX Settembre, nutrono per il Festival canicattinese.

Rubino presenterà al piano il suo ultimo lavoro discografico, ROAMING HEART, prodotto da Paolo Fresu per la TUK RECORD
L’appuntamento con i concerti, come sempre, è per le ore 22:00

Mercoledì 12 Agosto
• DINO RUBINO piano solo

ROAMING HEART

• BOBBY WATSON QUARTET Bobby Watson, sax
Andrea Pozza, piano
Curtis Lundy, contrabbasso

Eric kennedy, batteria

Giovedì 13 agosto

• LOGAN RICHARDSON QUARTET Logan Richardson, sax
Salvatore Buonafede, piano
Piero Leveratto, contrabbasso

Roberto Gatto, batteria

Venerdì 14 agosto

• PERISCOPE QUINTET Alessandro Presti, tromba
Rino Cirinnà, sax
Toti Cannistraro, piano

Riccardo lo Bue, contrabbasso Gaetano Presti, batteria.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry