fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'Equilibrista della Misericordia, il brano inedito cantato da Francesco Aprile per le audizioni della rivista ufficiale del Giubileo

 

#Scicli, 1 marzo 2016 – Il giovane cantautore e cantastorie in chiave moderna Francesco Aprile partecipa con un brano inedito dal titolo “L’equilibrista della Misericordia“ alle audizioni per individuare un cantante da far esibire il 23 Aprile 2016 presso lo Stadio Olimpico di Roma in occasione della grande festa dei giovani. L’iniziativa è Patrocinata dal Pontificio Consiglio per la promozione della nuova Evangelizzazione.

Il testo è stato scritto dal paroliere e cantautore Giuseppe Livia, la musica dal Maestro Marcello Giordano Pellegrino. Francesco Aprile è un artista prodotto e rappresentato da Skenè management. 

 

Francesco Aprile

Giovane esecutore di musica popolare siciliana, si forma artisticamente in Sicilia. Artista poliedrico, scrittore di testi inediti in lingua natia, Francesco è un artista, che con la sua musica e le sue canzoni, racconta la Sicilia, così è stato definito dai critici, motivo del riconoscimento ricevuto nel 2013 alla Sicilianità. 

Molti brani scritti e composti da lui hanno ricevuto, in più occasioni, lusinghieri consensi dalla critica. Sin da piccolo, emerge la passione per la musica popolare a cui la sua voce si adatta e si adagia in modo simbiotico e viene fuori una personalità artistica eterogenea che spazia nelle varie forme d’arte, in particolare tra musica, danza e teatro. 

All’età di 17 anni, si distingue per capacità organizzative ed eclettismo artistico con la partecipazione al musical “ Forza venite gente”, rappresentato nei teatri della Sicilia sud orientale, col ruolo del Diavolo. 

Fra gli eventi più prestigiosi, l’artista ha inaugurato il Taranta Sicily Fest alla presenza di 8.000 persone. Francesco è spesso invitato a prendere parte a diversi concerti di carattere popolare finalizzati all’esaltazione e al recupero dell’arte e della cultura delle tradizioni popolari siciliane. 

E’ stato insignito nel 2013 del Premio alla Sicilianità come giovane artista per l’impegno continuo alla diffusione e ricerca della cultura musicale/popolare siciliana. 

Ha tenuto diversi concerti in tutta la Sicilia per conto di enti pubblici e privati, fra cui il concerto (Viaggio in Sicilia) presso una prestigiosa location del ‘400 per la delegazione Internazionale UNESCO in visita nel distretto sud/orientale della Sicilia. 

Francesco Aprile cantautore ed interprete, vanta un vastissimo repertorio di musica popolare siciliana, con particolare riferimento ai grandi nomi della cultura popolare sicula.

Nel 2013 riceve il Premio alla Sicilianità con il primo singolo “ CULURI RI PRATI “, con la seguente motivazione:

 

Francesco Aprile si può definire un cantastorie in chiave moderna, perché nella sua musica si racchiudono le caratteristiche principali di ciò che è la tradizione della musica popolare siciliana non tralasciando la poetica e le classiche cadenze popolari.

 

Nel dicembre del 2014 esce il nuovo singolo dal titolo Se fussi pueta, un brano molto diverso da Culuri ri Prati che vede il coinvolgimento anche di un soprano lirico.

 

Attualmente oltre a svolgere un’intensa attività concertista da solista e con la sua band, studia canto finalizzato all’interpretazione e alla ricerca storica delle canzoni del repertorio popolare e recupero delle tradizioni musicali siciliane, lavoro grazie al quale ha già ottenuto la composizione di un vasto repertorio.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry