fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 3 ottobre 2016 – Standing ovation per il soprano Daniela Schillaci che ha ufficialmente aperto la XIII Stagione Concertistica di Ibla Classica International, organizzata di Agimus.  

Daniela Schillaci ne è stata la protagonista indiscussa insieme al maestro Gaetano Costa, suo compagno anche nella vita, che l’ha magistralmente accompagnata al pianoforte. Sold out e applausi a scena aperta per questa grande artista dalla voce d’usignolo che, nonostante sia reduce da ben 50 concerti in giro per il mondo, tra cui al Teatro Greco di Catania dove ha magistralmente interpretato la Norma e a Shangai, in Cina, lo scorso 18 settembre, dove ha interpretato Alice in Falstaff, ha soddisfatto, oltre ogni aspettativa, anche il pubblico presente al Teatro Donnafugata. 

In platea molti aderenti al “Fan club Daniela Schillaci” che in quest’anno l’hanno seguita in diversi spettacoli tenuti dall’artista in tanti teatri italiani.

La Schillaci, con la sua grande voce e la sua simpatia, ha saputo ancora una volta trascinare il pubblico, tra cui un nutrito gruppo di turisti americani, nel magico mondo della grande lirica. A cominciare dalle prime battute di “Casta diva” dalla “Norma” di Vincenzo Bellini a “Tacea la notte Placida” dal “Trovatore” di Giuseppe Verdi fino alla fine con un brano di “Madama Butterfly” e i tre bis su grande richiesta, la soprano Daniela Schillaci ha ricevuto applausi calorosi e apprezzamenti. Un programma ricco da Bellini a Verdi, da Puccini a Cilea che ha visto anche due duetti con il giovane mezzo soprano Roberta Celano, nuova stella nascente nel panorama dei giovani talenti. 

Schillaci, come annunciato da Sebastiano D’Angelo di “Ragusani nel mondo”, sarà ospite della prossima edizione della kermesse omonima del 2017 in una nuova sezione aperta alla lirica. Grande soddisfazione da parte del maestro Giovanni Cultrera, direttore artistico della stagione concertistica, e da parte della presidente di Agimus, Marisa Di Natale e del vice presidente Giuseppe Basile che sanno ogni anno accontentare i gusti musicali del pubblico di Ibla Classica International, poi accolto a fine spettacolo al “Dopoteatro Cocktail”, un simpatico rendez-vous con gli artisti. E proprio nelle sale del foyer del Teatro Donnafugata la soprano Daniela Schillaci ieri si è intrattenuta con il folto pubblico per ricevere tantissimi complimenti per la sua impeccabile esecuzione e per scattare qualche foto con i numerosi fans. 

Il prossimo concerto di Ibla Classica International si terrà il 16 ottobre, sempre al Teatro Donnafugata di Ibla. La serata, “Letteratura in lirica”,  vedrà sul palco un’altra grande interprete, la soprana Francesca Scaini che sarà accompagnata al pianoforte da talento Ruben Micieli. Visitando il sito della rassegna all’indirizzo www.iblaclassica.it si potrà consultare l’intero programma della XIII Stagione Concertistica. 

È in corso, inoltre, la campagna abbonamenti che assicura la presenza ad ogni concerto. 

La stagione concertistica è sostenuta dal Comune di Ragusa, dal Senato della Repubblica, dalla Regione Sicilia e da sponsor privati.

Per info e prenotazioni sugli abbonamenti o sull’acquisto del biglietto chiamare i numeri 338 4339281- 334 5387069 o scrivere una mail a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Giovannella Galliano

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry